"Stazioni sicure": 2 denunciati e 2 arrestati dalla Polizia in un giorno

Controllati 20 scali e identificate 86 persone nell'ambito dei controlli straordinari in tutto il territorio regionale

Continuano i servizi straordinari di controllo in ambito ferroviario predisposti a livello nazionale dal Servizio di Polizia Ferroviaria. L’operazione, denominata “Stazioni Sicure”, arrivata alla sua nona giornata, ha visto il personale del Compartimento della Polizia Ferroviaria per il Friuli Venezia Giulia, nella giornata del 26 settembre, impegnato in una serie di servizi mirati al fine di migliorare la prevenzione dei crimini ed il controllo della legalità in ambito ferroviario.

Tenendo conto della difficile situazione a livello internazionale, particolare attenzione è stata posta ai convogli, alle stazioni, agli obiettivi sensibili lungo le linee ferroviarie, nonché ai passeggeri ed ai bagagli. Nell’intero territorio regionale sono stati impiegati 72 operatori, che, nell’arco dell’intera giornata, hanno controllato 20 scali ferroviari, ispezionato numerosi bagagli sia a seguito di viaggiatori che custoditi presso i depositi ed identificato 86 persone. delle quali 2 sono state indagate in stato di libertà e altre 2 sono state arrestate.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid 19: boom di contagi in Croazia, 95 in un giorno

  • Bollo auto, chi paga e chi no: le informazioni sulle esenzioni

  • Il virus in Croazia preoccupa Lubiana, al vaglio l'ipotesi di toglierla dalla lista dei paesi sicuri

  • Come ottenere la carta d'identità elettronica a Trieste

  • Tutti i nuovi contagi sono fuori Trieste, nessun decesso in Fvg

  • Come scegliere o cambiare il medico di base a Trieste

Torna su
TriestePrima è in caricamento