Cronaca

Tentato stupro, ICS: «Ferma condanna a ogni azione di violenza chiunque ne sia l'artefice»

Il Consorzio di solidarietà tiene poi a precisare che «il cittadino straniero non è mai stato in carico al locale sistema di accoglienza»

Gianfranco Schiavone, presidente ICS

In merito al tentato stupro di una 18enne nei pressi della Stazione centrale, aggredita nel tentativo di una violenza sessuale da parte di un cittadino afghano di 35 anni arrestato dai Carabinieri, «l'ICS condanna con fermezza il tentato stupro ad opera del cittadino afgano U.A.T., sul cui episodio stanno indagando le autorità, così come condanna ogni azione di violenza chiunque ne sia l'artefice, cittadino italiano o straniero».

«Per doverosa correttezza - continua la nota del Consorzio di solidarietà - si segnala inoltre che non corrisponde al vero la notizia diffusa da alcuni organi di stampa, secondo la quale U.A.T. sarebbe un richiedente asilo: l'interessato è infatti un cittadino straniero che vive in Italia da oltre quattro anni (dal 2013), e non è mai stato in carico al locale sistema di accoglienza».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tentato stupro, ICS: «Ferma condanna a ogni azione di violenza chiunque ne sia l'artefice»

TriestePrima è in caricamento