Cronaca

Trasporti, Serracchiani a Roma per incontrare i vertici di Ferrovie dello Stato: analizzate le criticità e gli investimenti

11.05 - Al centro dell'incontro i temi del ruolo e delle prospettive della presenza del Gruppo Ferrovie dello Stato in Friuli Venezia Giulia. Annunciata la riapertura della linea Trieste Campo Marzio-Villa Opicina (7 luglio) e confermata la conclusione della prima fase del nodo di Udine (giugno 2015)

I temi del ruolo e delle prospettive della presenza del Gruppo Ferrovie dello Stato (FS) in Friuli Venezia Giulia sono stati al centro di un incontro che la presidente della Regione Debora Serracchiani ha avuto ieri a Roma con i vertici della Società. Alla riunione con la presidente, che era accompagnata dall'assessore alle Infrastrutture e alla Mobilità Mariagrazia Santoro, hanno partecipato Michele Mario Elia (amministratore delegato del Gruppo Ferrovie dello Stato), Vincenzo Soprano (amministratore delegato di Trenitalia), Orazio Iacono (direzione Commerciale ed Esercizio Rete RFI-Rete Ferroviaria Italiana) e Carlo De Vito (amministratore delegato di FS Sistemi Urbani).

L'incontro ha permesso di approfondire la situazione presente e futura per quanto riguarda il trasporto passeggeri e merci e gli investimenti infrastrutturali sulla rete e nelle stazioni. Relativamente al traffico passeggeri, sono state evidenziate alcune criticità presenti nell'attuale sistema che comportano ritardi per gli utenti. È stato ricordato che, da parte dei vertici delle società, è stata istituita una task force per monitorare i punti critici di regolazione del traffico e per il potenziamento tecnologico.

È stata inoltre annunciata la fine imminente dei lavori nei cantieri sulla Udine-Tarvisio e nel nodo di Monfalcone. Inoltre è stato condotta un'analisi sui treni a lungo raggio Freccia Bianca, Freccia Argento e Intercity con le relative puntualità.

Per quanto riguarda il traffico merci sono stati analizzati i dati relativi a Trenitalia Cargo e alle altre imprese ferroviarie e la situazione relativa ai porti e agli interporti regionali. Sul versante infrastrutturale sono stati confermati gli interventi di potenziamento della linea Venezia-Trieste e del nodo di Udine, che vedrà conclusa a giugno 2015 la prima fase del valore di 10 milioni di euro, nonché il mantenimento dell'attuale potenzialità della linea Gemona-Osoppo con interventi di manutenzione straordinaria e il programma di soppressione dei passaggi a livello.

Inoltre è stato annunciato nel corso dell'incontro che la linea Trieste Campo Marzio-Villa Opicina, interrotta per cedimenti infrastrutturali dal maggio scorso, sarà riaperta il 7 luglio.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Trasporti, Serracchiani a Roma per incontrare i vertici di Ferrovie dello Stato: analizzate le criticità e gli investimenti

TriestePrima è in caricamento