Giovedì, 17 Giugno 2021
Cronaca

Triesteantiqua 2016 apre i battenti al Salone degli incanti

Al via la 34 ª edizione di Triesteantiqua che ritorna al Salone degli Incanti dal 29 ottobre al 6 novembre 2016

Il taglio del nastro con il Sindaco Roberto Dipiazza

Ha aperto i battenti la 34 ª edizione di Triesteantiqua ritorna al Salone degli Incanti dal 29 ottobre al 6 novembre 2016. La tradizionale mostra mercato dell’antiquariato che da anni richiama numerosi appassionati del settore, è organizzata dal Consorzio Promotrieste in collaborazione con l’Associazione Antiquari FVG e il Comune di Trieste, grazie al contributo della Regione Friuli Venezia Giulia, della Fondazione CRTrieste, di Ures e il patrocinio della Camera di Commercio di Trieste.

Gli espositori, una cinquantina di espositori, sono arrivati da tutta Italia ma anche da altri paesi d’Europa quali Inghilterra, Belgio, Spagna e Slovenia. Tutti si sono detti soddisfatti dalla raffinata location che ben si sposa con gli oggetti esposti. Le opere sono, come sempre, di alto livello; accanto agli oggetti di area viennese anche mobili, dipinti, sculture, tappeti, ceramiche, gioielli di tutte le epoche, stampe, disegni, orologi antichi e rarità numismatiche fanno bella mostra di nell’ex Pescheria in attesa delle migliaia di visitatori che sempre affollano l’evento.

_I1B4732-2

Proposti per la prima volta al pubblico, sono arrivati ieri due importanti dipinti di Salvator Rosa, datati fine Seicento provenienti da una casa romana. Durante le fiera poi ci sarà la possibilità, grazie al sostegno economico dell’azienda “Gli Orti di Venezia” , di avereun assaggio di cosa comporti il delicato lavoro dei restauratori, vedendoli all’opera nelle fasi conclusive di sei dipinti della Quadreria del Civico Museo Sartorio di Trieste. Anche quest’anno Triesteantiqua prosegue, la collaborazione con l'Associazione Italiana Ricerca sul Cancro, Comitato del Friuli Venezia Giulia, che in un suo spazio propone l’originale mostra “La ricerca e la cura nel tempo” che farà ripercorrere la storia del progresso della medicina tramite originali strumenti che erano in uso negli ospedali della città, ed ora conservati nel Museo delle Scienze Sanitarie di Trieste.

Su ogni biglietto (il costo d’entrata è di 9 euro a persona) sarà devoluta una parte a favore della ricerca contro il cancro, come pure una parte del ricavato degli aperitivi serali. Triesteantiqua si è arricchita di numerosi eventi collaterali cui si potrà partecipare gratuitamente: animeranno i pomeriggi all’auditorium del salone degli Incanti un ciclo di conferenze sui temi dell’arte e della cultura, laboratori per bambini ed intrattenimenti musicali. Di sera poi si potrà vivere appieno l’atmosfera del salone degli Incanti durante un aperitivo in cui verrà proposta ogni giorno un’etichetta diversa del territorio carsico e regionale. 

Gallery

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Triesteantiqua 2016 apre i battenti al Salone degli incanti

TriestePrima è in caricamento