rotate-mobile
Cronaca

Una nuova arma contro il Covid: arriva in Fvg il tampone salivare

Sarà a tutti gli effetti un test molecolare come gli attuali tamponi ma meno invasivo. Sarà sufficiente tenere in bocca il batuffolo di cotone per due minuti e poi inserirlo in una provetta, da consegnare ai laboratori di analisi

Da oggi in Fvg c’è un nuovo strumento per la diagnosi del Covid: il tampone salivare, che si affianca ai test antigenici rapidi e al tampone nasofaringeo. Sarà a tutti gli effetti un test molecolare come gli attuali tamponi ma meno invasivo. Sarà sufficiente tenere in bocca il batuffolo di cotone per due minuti e poi inserirlo in una provetta, da consegnare ai laboratori di analisi, che potranno rilevare il virus con una tempistica dalle 12 alle 24 ore.

Un nuovo strumento contro la lotta alla pandemia, che è stato presentato oggi alla stampa alla presenza del governatore Fedriga, del vicepresidente del Fvg Riccardi e del sindaco Dipiazza. La possibilità di produrre il campione a casa, è stato spiegato, comporterà un minor dispendio di personale e un minor rischio di infezione da parte degli operatori, oltre al risparmio di Dpi per la loro protezione durante il prelievo.

Al momento il test non sostituisce il tampone tradizionale poiché lo strumento è relativamente nuovo anche se adeguatamente testato, la sua affidabilità è comunque superiore a quella dei test antigenici. Sarà comunque necessario confermare un eventuale risultato positivo con un tampone rinofaringeo. Al momento sono in arrivo in Fvg dalle 80 alle 90mila dosi, che saranno prevalentemente usate per gli screening in comunità chiuse quali scuole o fabbriche.

“Tutti siamo uniti e portiamo avanti la campagna vaccinale, nonostante le polemiche degli ultimi giorni – ha dichiarato il sindaco Dipiazza -. Abbiamo anche messo a disposizione la centrale idrodinamica a questo proposito. Oltre a questo è importante che ognuno faccia la sua parte mantenendo la guardia alta con il distanziamento e le norme igieniche”.

 “Siamo tra le regioni che effettuano più tamponi in Italia - ha ricordato Riccardi - e quando tutti i laboratori sia al Maggiore che a Cattinara saranno attrezzati per questi nuovi test, la capacità di tracciare e arginare l’espansione del virus migliorerà ulteriormente. Si tratta di una rivoluzione dal punto di vista organizzativo, senza contare che la non invasività è importante per soggetti quali i bambini e i portatori di disabilità”. 

Il governatore Fedriga ha infine rilevato che “questo test potrebbe essere molto più affidabile per quanto riguarda la variante brasiliana poiché i soggetti infetti hanno una carica virale molto maggiore nella saliva”. Per quanto riguarda la condizione generale della regione dal punto di vista sanitario, Fedriga ha rilevato che “abbiamo subito nelle ultime settimane un repentino cambio di rotta dopo il miglioramento di gennaio e febbraio, ora chiediamo ai cittadini l’ultimo sforzo prima della vaccinazione di massa e della bella stagione, in cui il virus tende a indebolirsi”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Una nuova arma contro il Covid: arriva in Fvg il tampone salivare

TriestePrima è in caricamento