menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Vigilanza Dinamica: Presentati i due nuovi Mezzi della Polizia Locale

“Più vicini ai cittadini, in una visione ampia di “vigilanza dinamica” in mezzo alla gente, per sempre più ascoltare il territorio e le sue esigenze di sicurezza - e non solo comminare sanzioni – guardando alla innovativa “filosofia” della...

"Più vicini ai cittadini, in una visione ampia di "vigilanza dinamica" in mezzo alla gente, per sempre più ascoltare il territorio e le sue esigenze di sicurezza - e non solo comminare sanzioni - guardando alla innovativa "filosofia" della "polizia di prossimità" e del vigile di quartiere."

In tal senso l'Assessore alla Sicurezza e Polizia Locale del Comune di Trieste Enrico Sbriglia ha presentato stamattina in piazza dell'Unità i due nuovi e superequipaggiati furgoni Renault Trafic M1 acquistati dalla Polizia Municipale e opportunamente trasformati, con un allestimento ad hoc, in veri e propri uffici mobili in dotazione al Corpo.
I due automezzi, del costo complessivo di 100.590 Euro, e dotati delle più avanzate strumentazioni, sono potuti diventare nuovi preziosi strumenti di lavoro per la Municipale triestina grazie a uno specifico stanziamento nel bilancio della Regione nel 2008.

E non a caso a celebrare la prima "uscita in piazza" dei nuovi mezzi è intervenuta stamane, accanto all'Assessore Sbriglia, al Comandante Sergio Abbate e al "vice" Luciano Momic, anche l'Assessore regionale alla Sicurezza Federica Seganti che ha sottolineato l'importanza che l'attuale Amministrazione regionale conferisce a un efficiente e moderno controllo del territorio.

Dal canto suo il Comandante Abbate ha spiegato che i nuovi mezzi - in linea appunto col concetto di "polizia di prossimità" e di presenza sul territorio - saranno impiegati anche per stazionare in maniera stabile in alcuni punti della città e a orari predeterminati, secondo un vero e proprio "calendario" che sarà pubblicamente reso noto con cadenza settimanale, andando a costituire di fatto un ufficio mobile della Polizia Municipale adeguato ad affrontare qualsiasi esigenza.

Infatti, come detto, i due nuovi furgoni - entrambi di 2000 cm3 di cilindrata e con 5 posti a sedere compreso un posto per l'utenza - sono dotati delle tecnologie più innovative da ufficio come note-book, stampanti, fotocopiatrice, scanner, fax multi-funzione; accanto ad essi l'etilometro, il telelaser per la misurazione della velocità di qualunque veicolo, ciclomotori compresi, e con qualunque condizione meteo (anche con pioggia, foschia o nebbia, grazie ai raggi infrarossi), un agile strumento informatico per la pesa di camion e grandi veicoli per verificarne la circolazione entro i limiti di peso consentiti e altro ancora.

Quanto prima - ha auspicato l'Assessore Sbriglia - sarà possibile anche collegare in via informatica i due pullmini alle banche dati nazionali del Ministero dell'Interno. Le strumentazioni in dotazione sono già adeguate a tale scopo, ma per porre in atto tale utilissimo collegamento deve venir prima necessariamente perfezionata una specifica convenzione con lo stesso Ministero.

Per quanto riguarda l'annunciata presenza "fissa" dei mezzi in alcuni principali punti della città, essa avverrà nei prossimi giorni di febbraio a partire da domani, mercoledì 23, con una prima uscita "ufficiale" in piazza dell'Unità dalle ore 8 alle 14 e poi dalle 14 alle 20; quindi, giovedì 24 in largo Barriera Vecchia dalle 8 alle 14 e in piazza Oberdan dalle 14 alle 20, venerdì 25 in piazza Goldoni dalle 8 alle 14 e in piazza Libertà dalle 14 alle 20, sabato 26 in via delle Torri dalle 14 alle 20, infine lunedì 28 a Cattinara Ospedale dalle 8 alle 14 e in piazza della Borsa dalle 14 alle 20.

Seguirà - come detto - settimana per settimana la comunicazione delle successive "presenze" dei due pullmini.
"Questa nuova presenza della nostra Polizia Municipale in città, in più con nuove molteplici possibilità operative, sarà - ha concluso l'Assessore Enrico Sbriglia - da un lato un "visibile invito" a tutti a una maggior prudenza e al rispetto delle norme e delle buone regole del vivere civile, dall'altro un'opportunità in più offerta ai cittadini in caso di bisogno e per ogni necessità di urgente supporto".

Ufficio Stampa Comune Trieste

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Storie del territorio: perché il Friuli Venezia Giulia non è "il Friuli"

social

Ricette tipiche della Carnia: i Cjarsons

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Il Fvg resta in zona arancione

  • Cronaca

    Covid: i guariti superano i contagi, in calo terapie intensive e isolamenti

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento