Mercoledì, 23 Giugno 2021
Economia

Trasporto pubblico regionale, servizio ridotto fino al 3 maggio

Il Governatore Massimiliano Fedriga ha firmato nella serata di ieri l'ordinanza che proroga le precedenti disposizioni riguardanti la riduzione e la soppressione dei servizi di trasporto pubblico locale

Il Governatore della Regione, Massimiliano Fedriga, ha firmato nella serata di ieri una nuova ordinanza contingibile e urgente, la numero 9, per il contenimento e gestione dell'emergenza epidemiologica da Covid-19. 

Saranno proprogate fino al 3 maggio le ordinanze relative ai servizi di trasporto pubblico. Saranno preservati sul territorio i servizi minimi nel rispetto delle esigenze di mobilità, assicurando la preventiva informazione ai viaggiatori, con la possibilità per le aziende esercenti di definire e attuare ulteriori rimodulazioni del servizio.

La proroga

In sostanza il provvedimento proroga, con efficacia dal 14 aprile e fino al 3 maggio, le precedenti ordinanze (la numero 2 del 13 marzo e la 5 del 25 marzo, già prorogata fino al 13 aprile con ulteriore ordinanza n. 6 del 3 aprile) riguardanti la riduzione e la soppressione dei servizi di trasporto pubblico locale. 

L'ordinanza prevede di demandare alle aziende di trasporto, anche sulla base delle azioni sui servizi individuate dalla cabina di regia sul Tpl e di cui fanno parte le aziende esercenti i servizi di trasporto pubblico locale automobilistico, ferroviario e marittimo e le organizzazioni sindacali, la definizione ed attuazione di ulteriori modifiche e rioriganizzazioni del servizio. 

In caso i decreti prevedano in futuro aperture di attività di impresa la cabina di regia è pronta a qualsiasi cambiamento per consentire ai lavoratori di raggiungere le rispettive sedi. 

Le precauzioni

Va richiamato che sui servizi di trasporto pubblico locale è obbligatorio l'uso della mascherina o, in alternativa, di una copertura per il naso e la bocca (foulard, sciarpa, copricollo), mentre è facoltativo l'utilizzo di guanti.  In particolare è fatto obbligo a chiunque acceda ai servizi di trasporto pubblico automobilistici, ferroviari e marittimi, di mantenere la distanza interpersonale di sicurezza e di fare uso della mascherina o comunque di una protezione a copertura di naso e bocca e di ogni altra precauzione per evitare il contagio. Tali prescrizioni devono essere rispettate anche nei servizi pubblici non di linea, quali taxi o vetture a noleggio con conducente.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Trasporto pubblico regionale, servizio ridotto fino al 3 maggio

TriestePrima è in caricamento