Notte di San Lorenzo, ecco i 5 posti più belli dove ammirare le stelle cadenti a Trieste

Secondo la leggenda, le stelle cadenti visibili tra stasera e domani rapresentano le lacrime "infuocate" di San Lorenzo, martirizzato sui carboni ardenti proprio il 10 agosto del 258

Foto Unsplash

Oggi, 10 agosto, puntando lo sguardo al cielo, potremo ammirare "la pioggia di stelle" della notte di San Lorenzo. Le Perseidi, conosciute anche come "Lacrime di San Lorenzo", non sono altro che frammenti sparsi nel cosmo della cometa "Swift- Tuttle". Quest'anno avranno il loro picco nella notte tra l'11 e il 12 agosto. Secondo la leggenda, le stelle cadenti visibili tra stasera e domani rapresentano le lacrime "infuocate" di San Lorenzo, martirizzato sui carboni ardenti proprio il 10 agosto del 258. Vagando per i cieli, si racconta, scendono sulla terra solo il giorno della sua morte. Un'altra curiosità da ricordare è che, mentre oggi le stelle cadenti sono associate a un fenomeno positivo, nelle culture antiche venivano visto come un segno nefasto, in quanto alternavano il ciclo naturale del mondo.

I posti più belli dove ammirare le Perseidi

Che voi siate degli inguaribili sognatori o che siate degli appassionati dei fenomeni astronomici, ecco a voi i  cinque posti più belli nei dintorni di Trieste (a meno che non ne abbiate di "vostri") dove passare la notte più romantica e affascinante dell'anno. 

1. Cima Monte Carso (val Rosandra)

2. Vedetta Alice (parco Globojner)

3. Cima Monte Hermada (Duino)

4. Cima del monte Nanos

5. Cima del monte Slavnik (Taiano) 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rapina da 195 mila euro a Pola, la fuga e l'arresto sul confine: in manette due poliziotti e un carabiniere

  • Conte: "Se continuiamo così, in due settimane tutte le regioni saranno gialle"

  • Vietati spostamenti tra regioni, ecco il nuovo Dpcm: cosa cambia

  • Il Friuli Venezia Giulia torna in zona gialla

  • Carenza di vitamina D: come riconoscerla e rischi per la salute

  • I migliori panifici di Trieste secondo il Gambero Rosso

Torna su
TriestePrima è in caricamento