menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto d'archivio

Foto d'archivio

"Brodo brustolà", antica ricetta della tradizione contadina triestina

Un piatto di origini umili e antiche, nato secoli fa nell'area triestina e diffusosi poi in tutto il Friuli Venezia Giulia fino all’Istria e ai borghi di montagna della Carnia: ecco la ricetta del "brodo brustolà"

Conosciuto a Trieste come brodo brustolà, il "brodo abbrustolito" è una deliziosa e antica ricetta della cucina tipica del Friuli Venezia Giulia. Un piatto nato secoli fa nell'area triestina e diffusosi poi nell’intera regione fino all’Istria e ai borghi di montagna della Carnia, Monica Cesari Sartoni, nel volume "Mangia italiano. Guida alle specialità regionali italiane", lo descrive come una sorta di "vellutata ottenuta con un iniziale soffritto color nocciola di burro e farina, allungato con brodo o acqua, arricchito fuori dal fuoco con uova sbattute, aromatizzato con cumino e maggiorana e servito come una zuppa su fette di pane tostato cosparse di formaggio grattugiato".

Le origini del brustolà sono molto umili e antiche: veniva preparato nelle case dei contadini, spesso con quello che avevano in dispensa. Un po’ di burro e farina, qualche uovo, acqua, latte o, nel migliore dei casi, brodo di gallina o di manzo, magari avanzato dal pranzo precedente. Insomma, un brodo ma più denso e saporito. Ecco la ricetta dal sito informatrieste.eu.

Ingredienti

  • 1 cipolla;

  • poco olio o burro;

  • 4 cucchiai di farina;

  • 1 uovo;

  • pane raffermo o abbrustolito.

Procedimento

Iniziate soffriggendo la cipolla tagliata finemente in poco olio o burro. Aggiungete 4 cucchiai di farina e mescolate velocemente ed energicamente per evitare la formazione di grumi, finché il composto si ingiallisce. Aggiungete 3/4 di litro di acqua calda, un po' di sale e lasciate bollire per un quarto d’ora.

Preparate nei piatti delle fettine di pane raffermo ( magari abbrustolito) e versate sopra il brodo. Per ottenere un brodo più gustoso e sostanzioso, a fine cottura si aggiunge un uovo fresco nella pentola e si mescola velocemente con una forchetta.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Cosa non regalare mai per la Festa della mamma e perché

social

"Buon viaggio 'doc'": l'ultimo saluto di Manuel al medico che gli salvò la vita

social

Festa della mamma: origini e curiosità

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Via libera alle visite agli ospiti delle Rsa: ecco le regole

  • Cronaca

    Covid: in Fvg 90 nuovi casi, nessun decesso a Trieste

  • Cronaca

    Incendio in via Belpoggio: evacuato lo stabile

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento