Cronaca

139 anni fa: a Trieste il primo servizio pubblico d'Italia

L'attività del servizio partì il 30 marzo del 1876 coprendo il percorso via Battisti-rotonda del Boschetto con regolare durante tutto l'arco della giornata e a una frequenza di una ogni quarto d'ora

Esattamente 139 anni fa, nella Trieste "asburgica" del 1876, venne inaugurata la prima linea di trasporto pubblico urbana, diventata poi esempio per altre città dell’impero. Trieste infatti, all’epoca, era il principale porto dell’Impero austro-ungarico e come tale città era considerata con un occhio di riguardo. La crescita economica, di cui la città diede forte impulso alla movimentazione sia delle persone che delle merci nel perimetro cittadino per velocizzare il collegamento tra le stazione ferroviaria, il porto ed i magazzini e le fabbriche che circondavano la città.

Inizialmente l’idea si sviluppo attraverso un servizio di carrozze a cavalli rivelatosi poi non all’altezza del servizio richiesto e quindi fallimentare. Il successo del servizio fu poi ottenuto grazie all’interno di una società belga, che costituì una filiale a Trieste con la denominazione Società Triestina Tramway e che sviluppò un servizio sempre di carrozza a callo ma più rispondente all’idea attuale del tram e che risultò funzionale alle richieste dell’utenza.

L’attività del servizio partì il 30 marzo del 1876 coprendo il percorso via Battisti–rotonda del Boschetto con regolare durante tutto l’arco della giornata e a una frequenza di una ogni quarto d’ora. Nonostante come detto in quegli anni non facesse parte del Regno d'Italia, venne riconosciuto a Trieste il primato di aver istituito il primo servizio di trasporto pubblico della penisola.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

139 anni fa: a Trieste il primo servizio pubblico d'Italia
TriestePrima è in caricamento