Viaggio di maturità in Croazia: 18enni padovane tornano positive al Covid

Zrće, l'ibiza croata sull'isola di Pago, sta diventando un nuovo focolaio di Coronavirus. Altri giovani rientrati da Pago in Germania, Austria e Slovenia sono risultati positivi dopo la vacanza

Due 18enni padovane vanno in Croazia per festeggiare la maturità e tornano positive al Covid 19, poi nel tracciare i contatti spuntano altri sei contagi a Padova. La meta era Zrće, la cosiddetta Ibiza croata sull'isola di Pago, che sembra stia diventando un nuovo focolaio di Coronavirus. Come riporta la Voce del Popolo, la località non è particolarmente frequentata al momento a causa della situazione sanitaria globale, ma alcuni giovani continuano a sceglierla come meta vacanziera: è il caso di una comitiva di giovani tra i 18 e i 19 anni, tra cui le due ragazze, tutti arrivati con un pacchetto vacanze organizzato da un'agenzia. Arrivate il 25 luglio e rientrate il primo agosto, le giovani sono poi risultate positive al covid 19, una di loro presenta sintomi lievi e l'altra è asintomatica.

Altri contagi in Europa

Come riportato dalla stampa estera, altri giovani rientrati da Pago in Germania, Austria e Slovenia sono risultati positivi dopo la vacanza. Si parla al momento di dieci giovani in Germania e un'altra decina in Austria. Dalla Slovenia, invece, l’epidemiologo dell’Istituto sloveno per la salute pubblica, Marta Grgič Vitek riferisce che "la metà dei nostri contagiati sono importati. Quasi tutti sono giovani rientrati da Pago, dove nei locali notturni il distanziamento sociale non viene rispettato”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rischio zona rossa, ecco l'ordinanza Fvg: no caffè fuori dai bar e stop ad allenamenti

  • Covid, morire a 45 anni: il pizzaiolo Abbas lascia cinque figli e la moglie

  • Il Friuli Venezia Giulia rischia la zona rossa

  • Dinner cancelling: come funziona la dieta seguita da Fiorello per dimagrire

  • Caffè, asporto e consumo su suolo pubblico: i chiarimenti sull'ordinanza

  • La Regione valuta la stretta: nel mirino il caffè fuori dai bar e le cene tra amici

Torna su
TriestePrima è in caricamento