Il vescovo Crepaldi si scaglia contro il governo: "L'aborto non è conquista di civiltà"

Nel giorno della celebrazione dell'Assunzione di Maria in cielo, il numero uno dell'ecclesia tergestina ha preso posizione contro le nuove linee guida del ministero della Salute

Il Ministero della Salute allarga le maglie dell'aborto e il vescovo di Trieste risponde scagliandosi contro l'assunzione della pillola. Monsignor Gianpaolo Crepaldi ha preso per l'ennesima volta posizione contro l'interruzione volontaria di gravidanza ribadendo l'assoluta contrarietà alla somministrazione della RU 486, il farmaco a base di mifepristione e prostaglandine. 

Nel giorno della celebrazione dell'Assunzione di Maria in cielo, il numero uno dell'ecclesia tergestina ha chiarito come la pillola non può essere considerata "una conquista di civiltà. Noi riaffermiano la vittoria della vita sulla morte e il valore inestimabile della vita stessa". Mantenendo una dura posizione, Crepaldi afferma che attraverso la decisione presa dal ministero "chi ci governa va in direzione opposta" a quella dei cattolici. 

La Diocesi del capoluogo regionale infatti non digerisce la scelta. "Non c'è nessun progresso umano e civile - scrive Crepaldi - quando con l'aborto si favorisce l’uccisione di un individuo della specie umana nel grembo che lo accoglie, invece di prodigarsi per la difesa dell’essere più indifeso che ci sia". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Secondo il vescovo, con queste nuove disposizioni "la donna viene abbandonata a se stessa in una solitudine sanitaria, psicologica e morale di fronte alla scelta esistenziale, tragica e pericolosa, dell'interruzione della gravidanza". Esprimendo preoccupazione per una situazione di "contrazione demografica che rende incerto il futuro del nostro Paese", Crepaldi ha rivolto un messaggio alla comunità cattolica e ha concluso rispondendo con "l'annuncio liberante del Vangelo della vita, promovendo sempre e ovunque l'amore e il rispetto della vita, di tutta la vita e della vita di tutti". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Morto in Costiera, addio al presidente del gattile di Trieste Giorgio Cociani

  • Malore in acqua al Pedocin, morto bagnante di 56 anni

  • Ubriaco spacca una bottiglia sul bancone del bar e aggredisce i colleghi: tassista triestino denunciato

  • Scomparsa nel 2019, il suo cadavere a Miramare sette mesi dopo: la vittima si chiamava Karin Furlan

  • Referendum: Trieste la provincia italiana con la più alta percentuale di no

  • Incidente in galleria Carso: quattro auto coinvolte e strada chiusa

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TriestePrima è in caricamento