Cronaca

Controlli alle frontiere per Coronavirus, governo pronto a riunione con i paesi confinanti

L'esecutivo ha chiesto un meeting con i ministri della Salute dei paesi che confinano con l'Italia. Al momento la chiusura delle frontiere avrebbe "praticabilità giuridica", ma non la "sostenibilità pratica, né efficacia cautelativa"

Riprisintare i controlli alle frontiere a causa dell'allarme per il Coronavirus è una strada che, nonostante la sua "praticabilità giuridica", non ha una "sostenibilità pratica, né efficacia cautelativa". A sostenerlo, come riporta l'Ansa, è la Protezione Civile che nel corso della giornata di oggi ha partecipato ad una riunione con il premier Giuseppe Conte, i ministri dell'esecutivo giallo-rosso ed alcuni governatori in telecollegamento.

La situazione a Trieste e in Friuli Venezia Giulia, l'aggiornamento 

Numerosi presidenti di regione hanno rivolto le loro preoccupazioni in merito alla mobilità dei cittadini italiani pendolari transfrontalieri. Il Governo, conclude l'Ansa, "ha proposto una riunione con i ministri della Salute dei Paesi confinanti con l'obiettivo di arrivare a condividere linee d'azione comuni". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Controlli alle frontiere per Coronavirus, governo pronto a riunione con i paesi confinanti

TriestePrima è in caricamento