rotate-mobile
Cronaca

Emergenza terrorismo: a Trieste preoccupazione per Porto e Centro di fisica

Convocato in Prefettura il tavolo tecnico sull’emergenza terrorismo, la cui allerta è salita notevolmente dopo i drammatici fatti di Parigi. Obiettivi chiari: controlli a tappeto su tutti coloro che arrivano a Trieste da Stati musulmani, così come controlli sui cittadini musulmani che già vivono in città da anni

Convocato in Prefettura il tavolo tecnico sull’emergenza terrorismo, la cui allerta è salita notevolmente dopo i drammatici fatti di Parigi. Obiettivi chiari: controlli a tappeto su tutti coloro che arrivano a Trieste da Stati musulmani, così come controlli sui cittadini musulmani che già vivono in città da anni.

Al tavolo, convocato, dal prefetto Maria Francesca Adelaide Garufi hanno partecipato gli amministratori pubblici e le Forze di Polizia competenti in materia. Nelle prossime ore verrà inoltre organizzato un incontro del Comitato ordine e sicurezza incentrato sul tema del terrorismo.

I controlli, già da ieri sono già un fase di intensificazione in città. Si sta valutando inoltre la possibilità di utilizzare nel corso delle diverse operazioni anche le forze speciali antiterrorismo (in punti particolari della città quali scuole, stazioni e chiese, luoghi quindi particolarmente affollati, utilizzando inoltre mezzi blindati), ma ogni decisione verrà demandata al Comitato ordine e sicurezza.

Al Viminale Trieste, per la sua particolare posizione geografica, è stata inserita tra le città a cui viene rivolta attenzione particolare, in special modo il Porto, il Centro di Fisica teorica di Miramare e la sinagoga cittadina.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Emergenza terrorismo: a Trieste preoccupazione per Porto e Centro di fisica

TriestePrima è in caricamento