Evadono oltre 1 milione di euro, 5 imprese edili beccate dalla Finanza

La Guardia di Finanza di Gorizia ha individuato cinque imprese edili che dal 2011 non presentavano dichiarazioni fiscali, pur realizzando rilevanti ricavi con vendita di immobili e da opere di ristrutturazione

I finanzieri della Compagnia della Guardia di Finanza di Gorizia, nel corso dei capillari controlli del territorio volti a contrastare fenomeni di evasione ed elusione fiscale nel settore immobiliare, hanno recentemente individuato ben cinque imprese edili, attive da anni nella provincia isontina, le quali, a decorrere dal 2011, non hanno presentato le dichiarazioni fiscali, pur realizzando rilevanti ricavi, derivanti dalla vendita di immobili e da opere di ristrutturazione di abitazioni per uso residenziale.

L’individuazione degli “evasori” è avvenuta incrociando i dati dei bonifici bancari per le ristrutturazioni edilizie con i beneficiari. Le indagini sono poi proseguite, previ provvedimenti autorizzatori disposti dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Gorizia, con l’accesso presso i domicili dei legali rappresentanti, consentendo di acquisire documentazione contabile ed extracontabile utilizzata poi per la ricostruzione dei reali volumi d’affari dei contribuenti sconosciuti al Fisco. Successivamente, sono stati inoltrati questionari ai clienti ed ai fornitori delle imprese sottoposte a verifica, così come desunti dall’esame delle agende, dei quaderni e degli appunti trovati nel corso degli accessi domiciliari, in modo da definire l’entità dei ricavi e dei costi e determinando in questo modo i redditi imponibili sottratti a tassazione. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Al termine delle verifiche, le fiamme gialle goriziane hanno accertato, oltre all’omessa presentazione delle previste dichiarazioni fiscali, anche l’irregolare tenuta delle scritture contabili obbligatorie, constatando altresì redditi non dichiarati pari ad € 1.123.000, per un ammontare complessivo di imposte evase pari a oltre € 270.000, includendo I.RE.S, I.R.PE.F, I.V.A. ed I.R.A.P. L’Agenzia delle Entrate, Direzione Provinciale di Gorizia ha condiviso i rilievi mossi dalla Guardia di Finanza, emettendo avvisi di accertamento nei confronti dei contribuenti, con domicili fiscali tra i comuni di Gorizia, Villesse e Mariano del Friuli. L’attività d’indagine condotta dai finanzieri del Comando Provinciale di Gorizia si inquadra nell’ambito del contrasto ai fenomeni di evasione ed elusione fiscale da parte delle imprese che operano nel settore edile, le quali, non adempiendo agli obblighi dichiarativi, causano un danno a tutta la collettività e danneggiano gli operatori onesti che operano in un ambito delicato quale quello delle costruzioni di civili abitazioni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Investita sulle strisce: 55enne in rianimazione

  • Violento nubifragio sulla città, ai Vigili del fuoco raffica di richieste d'aiuto

  • Soccorrono un giovane di 21 anni, operatori del 118 aggrediti con pugni e sputi

  • Fotografa i bambini e poi scappa su un’auto blu: la segnalazione parte dal Carso

  • Incidente al bivio di Miramare: grave il motociclista

  • Stop al pesce fresco, anche a Trieste scatta il fermo pesca

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TriestePrima è in caricamento