Il Verdi punta sui “Giovani talenti”: sei concerti con i professionisti del domani

  • Dove
    Telequattro
    Indirizzo non disponibile
  • Quando
    Dal 30/01/2021 al 18/04/2021
    Orario non disponibile
  • Prezzo
    Prezzo non disponibile
  • Altre Informazioni

Si chiama "Giovani talenti" la nuova rassegna concertistica ideata dal teatro Verdi, un ciclo di sei concerti, dal 30 gennaio al 18 aprile, che insieme alle compagini artistiche e ai tecnici del Teatro coinvolge, quali protagonisti, giovani musicisti allievi del Conservatorio e futuri professionisti della musica. La rassegna è predisposta per la divulgazione televisiva, in questo particolare momento di emergenza sanitaria che non permette l’attività musicale in presenza di pubblico. promossa e sovvenzionata dal Comune di Trieste - Assessorato ai Teatri, ideata e organizzata dalla Fondazione Teatro Lirico Giuseppe Verdi di Trieste e realizzata in collaborazione con il Conservatorio di Musica Giuseppe Tartini di Trieste. Si tratta di un ciclo di sei concerti che insieme alle compagini artistiche e ai tecnici del Teatro coinvolge, quali protagonisti, giovani musicisti allievi del Conservatorio e futuri professionisti della musica. La rassegna è predisposta per la divulgazione televisiva, in questo particolare momento di emergenza sanitaria che non permette l’attività musicale in presenza di pubblico.

Alla presentazione sono intervenuti l’assessore comunale ai Teatri Serena Tonel, il sovrintendente del Teatro Verdi Trieste Stefano Pace con il dott. Antonio Tasca e il prof. Paolo Rodda, il Presidente del Conservatorio Tartini Lorenzo Capaldo.

Gli interventi

„Siamo orgogliosi di presentare questo progetto che centra molti obiettivi e che presenta una formula nuova per le prossime iniziative – ha affermato l‘assessore ai Teatri Tonel –, sia per dare la possibilità alla nostra orchestra di esprimere la propria arte che per offrire l‘opportunità al pubblico di mantenere il legame tanto apprezzato con il Teatro Verdi anche seguendo i concerti da casa in un periodo nel quale non sono possibili le esibizioni dal vivo, inoltre per la preziosa partnership instaurata con il Conservatorio Tartini. Infatti per i futuri giovani maestri del Conservatorio è un‘esperienza didattica importante. A loro va un caloroso „in bocca al lupo“.

Il sovrintendente Pace ha ringraziato il Comune, il presidente della Fondazione Roberto Dipiazza e l‘assessore Serena Tonel per il sostanziale contributo all‘iniziativa che ha voluto valorizzare anche altri progetti realizzati con la rassegna Trieste Estate, Una Nota in Più e i due seguitissimi concerti di Natale e di Fine Anno e che ci permetterà di prendere visione sull‘emittente Telequattro die concerti. Sono anche aperte, ha specificato ancora Stefano Pace, le donazioni da parte die cittadini a progetti speifici quali „Giovani Talenti“.

Occasioni importanti di formazione per i giovani musicisti, hanno poi evidenziato il presidente Capaldo e il prof. Rodda, grazie alle nuove tecnologie e ai contatti con i professionisti di alto livello. Un vero e proprio percorso formativo che ha portato alla realizzazione di sei concerti in programma che contemplano stili e periodi storici diversi.

La Fondazione Teatro Lirico Giuseppe Verdi di Trieste, è stato spiegato, è una realtà unica della Regione Friuli Venezia Giulia, in quanto unico teatro di produzione musicale, anche in questo periodo di emergenza sanitaria non è venuta meno al suo dettato statutario di diffusione, sviluppo e conoscenza dell’arte musicale con una particolare responsabilità per l’educazione musicale della collettività e, per quanto di competenza, per la formazione professionale dei quadri artistici.

In quest’ottica la Fondazione ha progettato e sottoscritto, d’intesa con il Conservatorio di Musica Giuseppe Tartini di Trieste, la nuova Convenzione Quadro di durata triennale che amplia gli accordi avviati nel 2009. La Convenzione è finalizzata anche alla realizzazione di progetti congiunti, primo fra questi e calibrato nel particolare frangente dell’emergenza sanitaria, il Progetto Giovani Talenti, articolato in una rassegna di sei concerti, ciascuno dei quali con un programma che prevede la presenza di uno o più solisti individuati principalmente fra giovani promettenti musicisti, tutti studenti del Conservatorio Tartini, selezionati dalla Fondazione e dal Conservatorio. La collaborazione si concretizzerà altresì nella realizzazione della ripresa audiovisiva della esecuzione dei concerti a cura di studenti del Conservatorio della classe di Musica e Nuove Tecnologie, quale tirocinio curriculare previsto nei piani di studio. I concerti saranno trasmessi dall’emittente televisiva TELEQUATTRO e quindi liberamente accessibili al più ampio pubblico del Triveneto. Ogni concerto sarà trasmesso in doppia serata, a partire sabato 30 gennaio fino al 18 aprile 2021.

Protagonisti della rassegna l’Orchestra e il Coro della Fondazione Teatro Lirico Giuseppe Verdi di Trieste, con programmi musicali che prevedono un ampio ventaglio di composizioni che spaziano dalla musica barocca, - cui è completamente dedicato il quarto concerto con brani di Monteverdi, Charpentier, Bach e Lully – al classiscismo di Mozart e Haydn, agli autori più romantici come Dvořák, Brahms, Chopin, fino alla musica contemporanea con un brano del compositore olandese Anders Koppel. Ampio anche lo spazio riservato alla musica corale con brani di altissimo livello: Schicksalslied di Johannes Brahms, forse la più amata e perfetta fra tutte le composizioni corali di Brahms; i brani Domine ad adiuvandum e Dixit Dominus dal monumentale Vespro della Beata Vergine di Claudio Monteverdi; il Psaume 150 di César Franck, dalle audaci armonie e cromatismi.

Programma

I programmi prevedono in ciascun concerto una composizione per orchestra e strumento solista, eseguito da un giovane artista.

Nel primo appuntamento il Concerto per pianoforte e orchestra K 449 di Mozart da sempre considerato una delle composizioni più riuscite del genio salisburghese. Al pianoforte Alberto Olivo di Fiumicello (UD), laureato con il massimo dei voti, la Lode e Menzione Speciale, al Conservatorio Tartini nel 2020, con numerose esperienze di studio presso prestigiose istituzioni musicale europee. Primo premio al Concorso Pianistico "Città di Albenga", nel 2016 ha vinto il Premio Pianistico “Filippo Trevisan” al Concorso Musicale “Città di Palmanova”.

Nel secondo appuntamento il brano Toccata per marimba, vibrafono e orchestra di Anders Koppel, singolare composizione che propone l’antica forma della Toccata in chiave moderna con influenze pop e jazz. Il duo di percussioni formato da Marco Viel (marimba) e Ivan Boaro (vibrafono) si è formato al Conservatorio Tartini e ha vinto il XIV ‘’Premio Nazionale delle Arti’’ promosso dal Ministero dell’Istruzione nell’anno accademico 2018/19 (categoria Musica da Camera). Si è già esibito in cartelloni di riferimento per lo spettacolo dal vivo, come Mittelfest a Cividale del Friuli.

Il terzo appuntamento propone di Frédéric Chopin il Concerto per pianoforte e orchestra op. 11, fin dal suo debutto sempre molto amato dal pubblico. È interpretato da Kostandin Tashko, pianista albanese e studente al Tartini, già vincitore di oltre 30 premi internazionali in tutta Europa e che vanta già un ampio curriculum di significative esibizioni. Ha vinto, fra gli altri, il Grand Prix "Premio Antonio Salieri 2017", il 10th Young Pianist of the North (Newcastle), il Premio Stefano Marizza 2019 e si è aggiudicato la piazza d’onore al Premio Delle Arti 2018 organizzato dal MIUR. É stato solista con le orchestre della RTSO, dell'ARTEVE, e con i Virtuosi Italiani diretti dal Maestro Alberto Martini.

Nel quarto appuntamento il violino della triestina Sofia De Martis, giovanissima e già pluripremiata allieva del Conservatorio Tartini, che eseguirà il virtuosistico Concerto per violino e orchestra n. 1 BWV 1041 di Johann Sebastian Bach. Classe 2005, Sofia De Martis si è aggiudicata il I° Premio al Concorso Internazionale per giovani musicisti Diapason D’Oro a Pordenone 2015 e 2019, nonché il I° Premio Assoluto al Concorso Internazionale Giovani Talenti Città di Gorizia 2018.

Ancora il violino nel quinto appuntamento con alcuni movimenti della celebre e affascinate Symphonie Espagnole di Édouard Lalo; solista un'altra giovanissima allieva del Conservatorio Tartini, Alida Shahrazad Igbaria, triestina, vera e propria enfant prodige, già vincitrice e finalista di rinomati concorsi internazionali: fra questi l’edizione 2019 del concorso “Ars Nova International Competition”, nel quale si è aggiudicata il 1° premio assoluto della sua categoria. Nel 2020 è risultata finalista della “International Anton Rubinstein Competition” ed è stata ammessa alla rinomata Menhuin School di Londra.

La rassegna si chiude con un altro giovanissimo interprete, il fisarmonicista triestino Luca Bello che ha recentemente vinto l’International Open Trophy per la categoria under 14 di fisarmonica, il primo premio del mondiale di fisarmonica nella categoria dedicata agli esecutori di musica classica dai 5 ai 14 anni. Il giovane artista, che studia alla scuola InMusic di Sežana (Slovenia) e che si è formato come fisarmonicista al Conservatorio Tartini, si esibirà su musiche di Astor Piazzolla e Vaclav Trojan.

Il progetto affianca ai giovani talenti la direzione d’orchestra di prestigiosi Maestri di fama internazionale, quali:

Roberto Gianola, che ha già diretto al Teatro Verdi di Trieste Lucrezia Borgia di Donizetti e Mozartiade nel gennaio 2020, reduce di importanti successi in particolare in Nord America e in Estremo Oriente in particolare Gippone, Cina e Corea ma anche in Europa e in Italia a Cagliari, Verona, Palermo, Milano e attualmente Direttore Stabile al Teatro dell'Opera di Istanbul.

Michele Spotti, appena ventisettenne, è tra i più brillanti direttori d’orchestra della sua generazione, sia nel repertorio sinfonico che in quello operistico. Fra i sui impegni trascorsi si segnalano Il barbiere di Siviglia per As.li.co. , Il viaggio a Reims al Festival di Pesaro e nei teatri del circuito lombardo, in Francia Barbiere di Siviglia a Saint-Étienne e Don Pasquale a Montpellier, il Concerto di Natale 2019 e quello di Capodanno 2020 (con la Nona di Beethoven) alla Staatsoper di Hannover.

Federico Maria Sardelli, artista ad ampio raggio (oltre che musicista, è pittore, incisore, autore satirico e scrittore) è un protagonista della rinascita del teatro musicale di Antonio Vivaldi di cui ha diretto numerose opere e riscoperte, prime rappresentazioni, incisioni ed edizioni critiche, cultore della musica antica e in particolare del repertorio barocco che ha diretto in prestigiose occasioni e istituzioni (Concertgebouw di Amsterdam, Théâtre des Champs-Elysées di Parigi, Tchaikovsky Concert Hall di Mosca, Auditorium Parco della Musica a Roma) fra cui anche al Verdi di Trieste in occasione del Concerto di Natale 2020 con Der Messias di Händel. Michele Gamba, giovane pianista e direttore d’orchestra è stato assistente di Antonio Pappano a Londra e di Daniel Barenboim a Berlino, ha debuttato nel 2016 al Teatro alla Scala, con I due Foscari ed è successivamente ritornato per dirigere Die Entführung aus dem Serail, Le nozze di Figaro ed Elisir d’amore; fra il teatri più importati e le orchestre più prestigiose dove ha diretto si segnalano la Staatsoper di Amburgo e di Stoccarda, l’Opéra National de Montpellier, La Fenice di Venezia, il Petruzzelli di Bari, l’Opera di Roma, la Tokyo Symphony Orchestra, Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai, Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino, Orchestra Sinfonica di Milano “G. Verdi”, Staatskapelle di Berlino, le Orchestre di Montpellier e di Toulouse.

Christopher Franklin, direttore che vanta una carriera di lungo corso e di successo, noto e apprezzato dal pubblico del Teatro Verdi dove ha diretto numerosi concerti e opere liriche, fra queste, le ultime, sono state Tristan und Isolde di Wagner e Nabucco di Verdi.

Tutti i concerti saranno eseguiti sul palcoscenico del Teatro Verdi, recentemente ampliato e predisposto in conformità al rispetto di tutte le normative anti Covid. Tutte le modifiche del palcoscenico con i necessari adattamenti illuminotecnici, scenografici, audio e logistici in generale sono a cura dei reparti tecnici del Teatro Verdi che forniranno anche tutto il proprio supporto di esperienze e conoscenze agli studenti impegnati nel tirocinio di registrazione dei concerti.

Il pubblico potrà godere della visione e ascolto dei concerti grazie alla messa in onda su canale televisivo TELEQUATTRO nella serata di sabato alle ore 21 e in replica nella giornata della seguente domenica alle ore 23.30, secondo il calendario riportato nel programma qui di seguito.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

A proposito di , potrebbe interessarti

I più visti

  • Passeggiata gratuita alla scoperta dei grandi imprenditori nella storia di Trieste

    • dal 20 agosto 2020 al 2 settembre 2021
    • Campo San Giacomo
  • Ciaspolade, degustazioni e tour: torna lo SkiBus Fvg per Sappada

    • dal 14 febbraio al 24 marzo 2021
  • "Ero uno zombie ma sono guarita", la battaglia di Anna contro l'anoressia diventa una mostra

    • Gratis
    • dal 1 marzo al 30 aprile 2021
    • Leali delle Notizie
  • Il Verdi punta sui “Giovani talenti”: sei concerti con i professionisti del domani

    • dal 30 gennaio al 18 aprile 2021
    • Telequattro
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    TriestePrima è in caricamento