Infrastrutture, Serracchiani: «Maggiore sinergia tra l'Alto Adriatico»

Nuove sfide nel settore dei trasporti discusse al forum "L'Alto Adriatico come gateway nelle reti di trasporto transeuropee Ten-T". Si punta a più collaborazione tra i porti di Trieste e Capodistria e a un incremento negli investimenti sul sistema ferroviario. Presente anche il commissario europeo per i Trasporti Violeta Bulc

«La presenza del commissario europeo per i Trasporti è stata l'occasione per fare il punto sulle grandi sfide della programmazione europea nel settore dei trasporti e per focalizzare l'attenzione sugli impegni fondamentali che riguardano quest'area». Lo ha affermato la presidente della Regione Debora Serracchiani in occasione dell'incontro "L'Alto Adriatico come gateway nelle reti di trasporto transeuropee Ten-T" tenutosi oggi nel palazzo della Regione in piazza Unità a Trieste alla presenza del commissario europeo per i Trasporti Violeta Bulc.

«Sul tema della portualità - ha sottolineato la presidente - è emersa una condivisione sulla necessità di una sinergia sempre maggiore tra i porti di Trieste e Capodistria che si traduce nell'impegno della Commissione europea e del Governo italiano, confermato anche da Reti ferroviarie italiane, di investire sul sistema ferroviario. In questo senso collegare i due porti sarebbe un elemento di forte competitività per tutto l'Alto Adriatico». «Il lavoro della Commissione europea sulle reti ferroviarie, ma anche l'intervento del Governo italiano sulla portualità vanno nella direzione di garantire competitività e snellezza» ha dichiarato Serracchiani.

«In particolare i porti devono essere in grado di raccogliere la sfida rappresentata dall'ampliamento del canale di Suez e dalla possibilità di intercettare nuovi traffici e stringere sinergie con i Paesi dell'Est e dell'Asia». «In questo senso - ha aggiunto la presidente della Regione - l'accordo sottoscritto con Rfi ci permette di avere una programmazione lunga 17 anni sulla quale prevedere investimenti importanti che vanno dalla velocizzazione della Venezia - Trieste all'adeguamento della stazione di Campo Marzio per arrivare al nodo di Udine e alla rete dei bivi di Mestre. Interventi che ci consentiranno di ritrovare la competitività che si era persa sul settore ferroviario».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Anche dal punto di vista turistico gli interventi infrastrutturali possono avere ricadute importanti. «In particolare sulla linea ferroviaria che va a Lubiana passando per Villa Opicina, ormai soppressa da anni, ognuno deve fare la sua parte. In questo senso il tavolo avviato tra Regione e Slovenia, che si riunirà la prossima settimana, avrà fra i temi principali anche quello delle infrastrutture mirate a rafforzare i rapporti anche in chiave turistica».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bonus da 600 euro, anche il consigliere regionale Franco Mattiussi tra i beneficiari

  • Fotografa i bambini e poi scappa su un’auto blu: la segnalazione parte dal Carso

  • Rifiuta le sue avances e lui le sputa addosso: sconcerto in piazza Libertà

  • Notte di San Lorenzo, ecco i 5 posti più belli dove ammirare le stelle cadenti a Trieste

  • Covid-19: quattro nuovi casi in Fvg, salgono i ricoverati in terapia intensiva

  • Riammissioni a catena: Italia, Slovenia e Croazia si "passano" 30 migranti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TriestePrima è in caricamento