menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Cultura e Covid: al via le gite virtuali ad Aquileia con la "Mappa Parlante"

Nasce il nuovo progetto di visite didattiche a distanza del sito Unesco di Aquileia promosso da Fondazione Aquileia e Regione Friuli Venezia Giulia e ideato da Fondazione Radio Magica. Previste 110 visite on line gratuite per le scuole del Fvg

Martedì 26 gennaio e mercoledì 3 febbraio alle ore 17.00 nel corso di due webinar sulla piattaforma Zoom dedicati agli insegnanti delle scuole primarie e secondarie di tutta Italia verrà presentato il nuovo progetto di visite didattiche a distanza del sito Unesco di Aquileia promosso da Fondazione Aquileia e Regione Friuli Venezia Giulia e ideato da Fondazione Radio Magica. L’iniziativa - che si avvale del sostegno dell’Assessorato alla Cultura e dell’Assessorato all’Istruzione della Regione Friuli Venezia Giulia e della collaborazione del Comune di Aquileia, della Direzione Regionale Musei FVG – Museo Archeologico Nazionale di Aquileia, della Società per la Conservazione della Basilica di Aquileia, di PromoTurismoFvg e della Soprintendenza Archeologia Belle Arti Paesaggio del Fvg - offre la possibilità a scuole primarie e secondarie del Friuli Venezia Giulia di usufruire gratuitamente di 100 visite guidate on line e 10 laboratori.

Il commento dell'Assessore regionale Gibelli

«La pandemia da Covid-19 – rileva l’Assessore regionale alla Cultura e allo Sport Tiziana Gibelli – ha, di fatto, bloccato tutte le gite e le iniziative culturali organizzate da e per le scuole. Una circostanza che ha indubbiamente segnato bambini e ragazzi, perché la cultura è una parte fondamentale della vita di ognuno di noi. Per questo ci tengo a ringraziare tutti gli organizzatori della manifestazione Andiamo in gita ad Aquileia con la Mappa Parlante, perché grazie alla tecnologia consentono alle classi partecipanti di vivere l’esperienza di una vera e propria visita ad Aquileia. In questo modo i ragazzi non solo scopriranno virtualmente i luoghi che hanno segnato la nostra storia, ma saranno anche stimolati ad andare a visitarli dal vivo con le loro famiglie».

Il commento dell'Assessore regionale Rosolen

«Se gli studenti non vanno ad Aquileia, sarà Aquileia ad andare dagli studenti – scandisce l’Assessore regionale all’Istruzione Alessia Rosolen – è chiaro che questa formula non sostituisce i viaggi d’istruzione in termini assoluti, ma consente di approfondire la conoscenza di una delle città più grandi dell’Impero Romano, proprio qui, in Friuli Venezia Giulia. In realtà, la pandemia può costituire la scintilla per esplorare un modo innovativo di fare turismo, soprattutto didattico, introducendo percorsi di realtà aumentata e realtà virtuale. Tecnologia e digitalizzazione, se usate in modo complementare e non sostitutivo rispetto ai viaggi reali, potranno rivelarsi alleate preziose nel percorso di crescita e di maturazione dei ragazzi. C’è, infine, un aspetto fondamentale su cui mi preme porre l’accento: è importante che i ragazzi riscoprano l’orgoglio della propria identità territoriale e regionale. Questa è una terra ricchissima anche sotto il profilo storico. È doveroso trasmettere i valori della nostra storia ai ragazzi».

Come funzioneranno le visite

Le visite si svolgeranno con l’intervento di esperti e attori, con l’ausilio di materiale multimediale e il supporto della Mappa Parlante di Aquileia che verrà spedita alle classi che si prenoteranno. In particolare sono disponibili per le scuole primarie e secondarie di primo grado 50 visite guidate on line ai luoghi simbolo del sito Unesco con la Mappa Parlante condotte da un’esperta, 50 visite teatralizzate on line per scoprire la storia e le tradizioni della città dialogando con un personaggio realmente vissuto ad Aquileia interpretato da un attore (Imperatore Augusto, console e co-fondatore della città Titus Annius, matrona Aratria Galla) e in compagnia di un’esperta e per le scuole secondarie di secondo grado 10 incontri on line intitolati “La bottega del lapicida”, condotti da un’archeologa, alla scoperta del mestiere dell’epigrafista a partire dalle iscrizioni presenti nelle Gallerie lapidarie del Museo Archeologico Nazionale. «Con questa iniziativa - sottolinea Emanuele Zorino, sindaco di Aquileia e presidente facente funzioni della Fondazione Aquileia - Aquileia apre le porte alle scuole anche se a distanza. In tempi di restrizioni dovute alla pandemia che impediscono le visite didattiche, abbiamo voluto mantenere vivo il legame tra Aquileia e il mondo della scuola mettendo a disposizione una proposta nuova per passeggiare nella storia dell’antica città e incontrare uomini e donne del passato. L’auspicio - conclude Zorino - è che in un futuro, speriamo molto prossimo, questi nuovi strumenti didattici possano essere utili agli insegnanti anche in fase di preparazione alla visita vera e propria».

Gli incontri on line sono rivolti a singole classi e inizieranno il 19.02. La durata della singola visita è di un’ora. Gli insegnanti possono iscriversi al webinar di presentazione compilando il modulo sul sito www.radiomagica.org o inviando un’email con la data scelta (26.01 oppure 03.02 dalle 17.00 alle 18.00) a redazione@fondazione.org indicando nell’oggetto “WEBINAR AQUILEIA”. Verrà inviata e-mail di conferma con link per il collegamento. Per iscrivere la classe alle gite gratuite on line dal 27 gennaio è possibile telefonare al numero 0432 558465 (dalle 10.00 alle 12.00) dopo aver consultato il Calendario Visite su www.radiomagica.org/offerta-formativa. Le gite saranno assegnate in ordine di prenotazione secondo criteri di equa distribuzione territoriale fino ad esaurimento dei posti disponibili. Ogni scuola può prenotare fino a tre incontri. Per ulteriori prenotazioni contattare fondazione@radiomagica.org.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

'Enoteche d'Italia': la guida del Gambero Rosso premia anche Trieste

social

Nasa: arriva la prima foto panoramica di Marte

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento