menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Marzi: "Muggia ha bisogno di un centro vaccinale, attendiamo notizie da Asugi"

Il sindaco: "A Muggia abitano 13mila abitanti di cui molti ottantenni, per i quali anche andare a Trieste può essere un problema. Disponibili tre nostre strutture più la generosa disponibilità della sala parrocchiale di Zindis"

Riportiamo il post della sindaca di Muggia Laura Marzi in merito alla richiesta di aprire un centro vaccinale nella città rivierasca.

Muggia è una città di oltre 13 mila abitanti, con una percentuale di anziani peraltro non sottovalutabile. Un centro vaccinale in loco credo sia non solo utile, ma necessario per gestire questa fase nel miglior modo possibile anche e, soprattutto, per tutti i muggesani che si trovano costretti ad organizzarsi in vario modo per raggiungere la sede triestina. Il punto vaccinale già in funzione il febbraio scorso dovrebbe riprendere a breve le vaccinazioni sugli ultraottantenni, ma credo che a Muggia serva di più: qui ci sono molte persone per le quali la distanza può rappresentare un problema anche sotto gli 80 anni. 

Necessario un Hub locale

Siamo in contatto con diverse realtà locali che, con spirito altruistico, si sono già messe a disposizione per compartecipare eventualmente alla gestione del trasporto di chi potesse averne bisogno, ma la scelta ottimale per Muggia sarebbe un centro proprio: un hub locale non solo risponderebbe alle indicazioni date proprio dal Governo, ma potrebbe essere messo al servizio anche del Comune di San Dorligo.

Lo stesso Riccardi ha pubblicamente evidenziato, solo un paio di giorni fa, l’indispensabilità dei siti vaccinali aperti nell’arco di queste settimane su tutto il territorio: “sono strumenti indispensabili per rendere il più efficace possibile la somministrazione dei vaccini”. Non posso che essere concorde e proprio per questo ci siamo concretamente impegnati in tutte le verifiche necessarie per l’individuazione di eventuali location con le necessarie caratteristiche quali, per esempio, l’essere prive di barriere architettoniche, avere spazi generosi e possibilità di percorsi in sicurezza che evitino la creazione di assembramenti.

Abbiamo già espresso la nostra fattività nel mettere a disposizione di questo servizio alla cittadinanza tre nostre strutture e, se non fossero sufficienti, abbiamo anche ricevuto la generosa disponibilità della sala parrocchiale di Zindis. Attendiamo, quindi, notizie da ASUGI.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Cosa non regalare mai per la Festa della mamma e perché

social

"Buon viaggio 'doc'": l'ultimo saluto di Manuel al medico che gli salvò la vita

social

Festa della mamma: origini e curiosità

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento