rotate-mobile
Mercoledì, 8 Dicembre 2021
Cronaca Barcola - Gretta / Viale Miramare

Multa per l’amaca: "buco nell'acqua" per il flashmob a Barcola

Riflettori puntati sul flashmob contro le multe alle amache, evento annunciato finanche su "The Guardian", ma di fatto la manifestazione non si è verificata. Solo le troupe televisive e un'unica amaca, in cui riposava un'inconsapevole signora

Gli organizzatori si aspettavano di trovare “almeno 100 dissidenti” per il flashmob contro le sanzioni a chi riposa sulle amache, ma di fatto la manifestazione non si è verificata. Il caso aveva raggiunto proporzioni internazionali dopo la pubblicazione su “The Guardian” e, prima ancora, su tutta la stampa nazionale. Tuttavia l'ondata di solidarietà che da Facebook si era innalzata per il turista austriaco (sanzionato per 300 euro mentre tentava di appisolarsi sulla sua amaca a Barcola) non è sfociata in nulla di concreto: sul posto solo l'intera stampa locale con tanto di telecamere e reporter perplessi.

Campanello d'allarme

Un campanello d'allarme era già sorto tra i giornalisti dopo la rimozione dell'evento da Facebook ma a tutte le testate locali era pervenuto un comunicato stampa firmato da un fantomatico “Movimento per le Amache Libere”, senza tuttavia un referente reale e tantomeno un numero di telefono. Anche il luogo di ritrovo, un vaghissimo "nella pineta di Barcola", non dava a intendere la presenza di una vera struttura organizzativa. Spinti dall'attenzione mediatica sul caso, tuttavia, i mezzi d'informazione non hanno potuto sottrarsi a un tentativo. 

La signora inconsapevole

Sul posto solo una signora sulla sua amaca, subito attorniata dai giornalisti ma del tutto ignara della protesta e tantomeno del divieto. Una volta informata si è scusata ma si è dichiarata completamente in disaccordo con l'articolo del Regolamento per il Verde Pubblico.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Multa per l’amaca: "buco nell'acqua" per il flashmob a Barcola

TriestePrima è in caricamento