menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"No tax area" in porto, incontro Peroni - D'Agostino: «Possibile nuovo regime fiscale»

L'ipotesi entra dunque in una fase di valutazione, trovando il commissario straordinario dell'Autorità portuale di Trieste «perfettamente in linea con questa richiesta»

L'idea di istituire una "No tax area", ovvero uno spazio a regime di fiscalità di vantaggio: questo il tema dell'incontro a Trieste, tra l'assessore alle Finanze del Friuli Venezia Giulia, Francesco Peroni, e il commissario straordinario dell'Autorità portuale triestina, Zeno D'Agostino».

«La Regione - spiega Peroni - vuole esplorare e approfondire con l'Autorità portuale di Trieste quali siano le opportunità di una convergenza tra le attuali prerogative doganali, proprie del Porto franco, e un eventuale nuovo regime fiscale di vantaggio, che risulterebbe particolarmente benefico non solo per la zona direttamente interessata, ma per tutto il Sistema Regione, con ricadute positive per l'indotto e per il gettito regionale complessivo».

L'ipotesi entra dunque in una fase di valutazione, trovando il commissario straordinario dell'Autorità portuale di Trieste «perfettamente in linea con questa richiesta». Per D'Agostino, infatti, il collocamento di aree nelle quali i vantaggi fiscali si aggiungerebbero alle peculiarità attuali del Porto di Trieste, ossia il Porto franco internazionale con diversi punti dove si possono svolgere attività industriali, sarebbe «il completamento perfetto della nostra voglia di proporci al mercato internazionale».

La proposta, tuttavia, deve tener conto delle rispettive competenze in capo alla Commissione europea e allo Stato italiano. Perciò l'assessore Peroni sottolinea che l'Amministrazione regionale si muove nel suo ruolo di Ente territoriale, al quale spetta, tra l'altro, la regia delle politiche industriali, ai cui obiettivi sono strettamente interconnesse le discipline fiscali di settore.


Inoltre, aggiunge l'assessore, la Regione può anche agire come attore istituzionale di area vasta, propulsore d'idee presso il Governo nazionale e le istituzioni europee. A questo proposito va infatti ricordato come la proposta di candidare Trieste a sede di una "No tax area" sia stata oggetto della lettera che la presidente del Friuli Venezia Giulia, Debora Serracchiani, ha inviato al presidente del Consiglio dei ministri, Matteo Renzi, il 30 giugno scorso, subito dopo il referendum che ha sancito l'uscita della Gran Bretagna dall'Unione europea.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Giro d'Italia 2021: tre le tappe in Friuli Venezia Giulia

Ristrutturare

Superbonus 110%: i lavori necessari per richiedere l'incentivo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento