Cronaca Altopiano Carsico

Assassinato camionista a Fernetti, rissa finita in tragedia (FOTO)

Omicidio all'autoporto di Fernetti, camionista ucciso con una coltellata all'addome dopo una rissa

Un camionista di nazionalità russa è stato ucciso intorno alle 18 di oggi, sabato 10 dicembre, all'autoporto in prossimità del confine di Fernetti. Secondo quanto riferito dal maggiore dei Carabinieri Marcello Sardu: «L'uomo era stato trovato rantolante da alcuni suoi colleghi camionisti riverso sull'asfalto, di fianco a uno dei camion parcheggiati nell'autoporto e hanno allertato immediatamente i soccorsi, ma per l'uomo non c'è stato nulla da fare».

Dalle prime indiscrezioni raccolte, sembra che l'autotrasportatore sia stato impegnato in una rissa iniziata in un bar poco distante, rissa che sarebbe continuata all'esterno fino al parcheggio dell'autoporto, quando sarebbe sfociata in tragedia con una coltellata inferta all'uomo nella parte destra dell'addome e che ne avrebbe procurato la morte nel giro di pochissimo tempo.

La vittima aveva un'età approssimativa di 45 anni, nome di battesimo Roman, e lavorava per la ditta SnaTrans di Bryansk (Russia) che si occupa del trasporto di elettrodomestici e mobilio dall'Italia alla Russia.

A circa un'ora dal rinvenimento del cadavere una persona, un camionista sembra di nazionalità turca, è stata portata dai Carabinieri negli uffici dell'autoporto. Il suo camion presentava evidenti tracce di sangue, ma le indagini sono tutt'ora in corso da parte degli inquirenti, guidati dal pubblico ministero Lucia Baldovin.

L'arma del delitto non è ancora stata trovata e i Carabinieri hanno richiesto il supporto delle fotoelettriche dei Vigili del Fuoco di Opicina per continuare le ricerche.

Sul posto anche i medici legali Fulvio Costantinides e Carlo Scorretti.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Assassinato camionista a Fernetti, rissa finita in tragedia (FOTO)

TriestePrima è in caricamento