Cronaca

Stroncato business da 20 milioni: maxi sequestro di merce contraffatta in porto

Il camion turco era diretto in Slovacchia. La Guardia di Finanza l'ha intercettato e ha rilevato gravi irregolarità. Denunciato a piede libero l'imprenditore destinatario della merce

Oltre duecentomila capi d'abbigliamento per un valore stimato di oltre 20 milioni di euro. E' questo il bilancio del maxi sequestro effettuato dalla Guardia di Finanza di Trieste all'interno del porto giuliano che ha visto scattare la denuncia per contraffazione ai danni di un imprenditore slovacco, titolare della ditta alla quale la merce era destinata. 

Nell'operazione sono state sequestrate calzature, mascherine, pelletteria varia e stampe a caldo riconducibili a numerose e note case di moda (tra cui Adidas, Balenciaga, Burberry, Canada Goose, Christian Louboutin, Calvin Klein, Diesel, Dolce & Gabbana, Fila, Gucci, Hermes, Hugo Boss, Lacoste, Lagerfeld, Michael Kors, MCM, Mcqueen, Moncler, Moschino, Nike, Off White, Prada, Ralph Lauren, Tommy Hilfiger, Valentino, Versace e Chanel). 

I capi di abbigliamento e gli accessori di moda sottoposti a sequestro sono stati rinvenuti nascosti tra merce della stessa tipologia (abiti, borse e scarpe), ma recante marchi sconosciuti, a bordo di un tir sbarcato dalla Turchia e diretto in Slovacchia. "Sulla base della preliminare analisi di rischio effettuata e all’esito dei controlli eseguiti con le dotazioni scanner disponibili - si legge nella nota dei militari - sono stati disposti ulteriori approfondimenti sulla merce trasportata, anche mediante l’effettuazione di perizia da parte delle case di moda interessate". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Stroncato business da 20 milioni: maxi sequestro di merce contraffatta in porto

TriestePrima è in caricamento