menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Presentato progetto polo termale a Grado, Bolzonello: «Rafforzata offerta turistica oltre la stagione estiva»

Un progetto innovativo che comprende il recupero dell'attuale stabilimento termale e la realizzazione di un nuovo edificio dedicato all'acqua, intesa come wellness e divertimento

Rilanciare Grado come località termale marina, integrando le strutture esistenti con nuovi servizi per uno sviluppo turistico ed economico del territorio. Alla base un progetto innovativo che comprende il recupero dell'attuale stabilimento termale e la realizzazione di un nuovo edificio dedicato all'acqua, intesa come wellness e divertimento. Il tutto con una particolare attenzione alla sostenibilità ambientale: limitando l'uso di nuovo suolo, recuperando un pregevole immobile e ubicando l'ampliamento e le piscine esterne in continuità e sinergia con il parco acquatico. Questo in sintesi il progetto nel nuovo polo termale presentato oggi a Grado dal vicepresidente della Regione Friuli Venezia Giulia, Sergio Bolzonello, e dal sindaco Dario Raugna.

Nel dettaglio si prevedono 5.060 mq di superfice coperta, 9.080 mq di superfice scoperta, 9.177 mq di aree funzionali, 2.428 mq di terrazze e 6.422 mq di locali tecnici.

La filosofia di partenza dei progettisti è stata quella di minimizzare l'impatto prodotto dall'inserimento di un nuovo volume architettonico, non superando l'altezza dell'edificio termale esistente riprendendone le linee e utilizzando il secondo piano per far compenetrare le due palazzine, non facendole apparire come due corpi estranei. Il nuovo edificio, dotato di pareti vetrate, viene direzionato verso il parco acquatico, con grandi terrazze a diversi livelli. L'obiettivo è quello di massimizzare l'apporto di luce naturale e l'esposizione delle parti (piscine, soppalchi, terrazze e Spa) fronteggianti il mare. Si realizza quindi una linea di continuità con la spiaggia, ingentilita dalle aree verdi che lambiscono le piscine esterne.

E proprio il verde ha una forte connotazione nell'intervento in quanto si prevede, oltre alla creazione di nuove macchie arboree e la presenza di piante autoctone intorno alle piscine, di dare continuità all'elemento naturale introducendo il giardino pensile su buona parte delle terrazze della Spa.

Per quel che riguarda l'area curativa, all'utilizzo dell'acqua marina per il benessere si aggiungerà l'acqua termale per i bagni e le terapie con i fanghi termali; inoltre la parte legata alla salute sarà completata dal reparto inalazioni e dalla fisioterapia in uno nuovo spazio razionalizzato rispetto all'attuale, conferendone un aspetto meno sanitario.

Le piscine interne (876 mq) e quelle esterne (464 mq) saranno alimentate con acqua dolce e marina e differenziate per temperatura tra vasche per bambini, per il divertimento, il nuoto e il relax.

Grande attenzione è stata data alla sostenibilità ambientale, oltre che con la massimizzazione delle aree verdi, anche con il recupero delle acque meteoriche e quello termodinamico (aria umida) per la ventilazione.

Il cronoprogramma prevede 8 mesi per la progettazione esecutiva e le approvazioni, 5 mesi per la gara d'appalto e 30 mesi per la realizzazione dell'opera e i collaudi: consegna e avviamento della struttura a settembre 2021. Il costo totale dei lavori, di cui è committente Promoturismo Fvg, ammonta a 25.350.000 euro, finanziati dalla Regione.

«Un progetto condiviso che recepisce le indicazioni del Comune e degli operatori e che mira a rilanciare il polo termale di Grado per rafforzare l'offerta turistica allargandola oltre alla stagione estiva». Ha commentato il vicepresidente della Regione, Sergio Bolzonello, nel corso della presentazione del nuovo progetto preliminare del polo termale di Grado.

Lo stesso Bolzonello ha ricordato come, partendo dallo stop della Soprintendenza al precedente progetto, «abbiamo affrontato la questione in maniera pragmatica senza ricercare particolari complessità, ma bandendo una gara per la progettazione che adesso vede partire il cronoprogramma per la realizzazione dell'opera, la cui consegna finale è prevista a settembre 2021».

Il vicepresidente, ricordando l'impegno finanziario della Regione (oltre 25 milioni di euro), ha sottolineato la grande attenzione dei progettisti per la sostenibilità ambientale anche da un punto di vista architettonico e paesaggistico, in considerazione del parere positivo preventivo rilasciato ai progettisti dalla Soprintendenza.

Da parte sua il sindaco di Grado, Dario Raugna, soddisfatto del lavoro progettuale, ha rimarcato la capacità dimostrata dalle istituzioni di "riavvolgere il nastro" riprogettando il polo termale, con la riqualificazione dell'esistente e la costruzione del nuovo edificio.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

La ricetta della torta mimosa per festeggiare le donne

social

Cucina di mare: la ricetta delle canocie in busara

Cura della persona

Scrub fai da te: la ricetta super naturale per labbra perfette

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento