Ragazza violentata, Forza Italia chiede un'indagine conoscitiva sulle comunità e i centri educativi per minori

A proporla il deputato di Forza Italia Roberto Novelli a due giorni dalla violenza subita da una quindicenne a Lignano la notte di Ferragosto: "chi aveva in carico la sorveglianza dov'era?"

Un'indagine conoscitiva sulle comunità e i centri educativi per minori e le altre realtà che ospitano giovani provenienti dall'estero o con contesti familiari e sociali difficili. A proporla il deputato di Forza Italia Roberto Novelli a due giorni dalla violenza subita da una quindicenne a Lignano la notte di Ferragosto. "Condannare è fin troppo facile e scontato: sapere che una ragazzina di quindici anni è stata violentata in spiaggia fa orrore, a prescindere dalle caratteristiche dei responsabili della violenza. Ma quanto accaduto a Lignano deve soprattutto sollecitare una riflessione più ampia che parte da una constatazione: non è ammissibile che ragazzi provenienti da contesti sociali difficili siano lasciati a se stessi a tarda sera".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Chi aveva in carico la sorveglianza dov'era? Conosco splendidi esempi di comunità educative per minori che accolgono minorenni, ma evidentemente non sempre i requisiti richiesti per svolgere una funzione così delicata sono presenti. Per questa ragione - aggiunge Novelli - chiederò l'avvio di un'indagine conoscitiva su queste realtà per verificare quante sono, come operano, quanti minori accolgono, quanto ricevono dallo Stato, quali risultati hanno ottenuto in termini di integrazione e soprattutto se sono rispettati i protocolli. Tutto ciò per verificare se è necessario intervenire a livello legislativo e scongiurare il rischio che in taluni casi il profitto economico prevalga sulle esigenze sociali e che soprattutto non si ripetano episodi come quello di Lignano, per il quale ci attendiamo, una volta accertate le responsabilità, una pena adeguata" conclude Novelli.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bimbo di 7 anni umiliato a scuola per aver dimenticato l'astuccio, la triste storia di Jacopo

  • Schianto nella notte in via Giulia, morto scooterista di 50 anni

  • Covid 19: la Slovenia "declassa" l'Italia a zona arancione

  • Schianto tra i Carabinieri e un'auto: militare a Cattinara

  • Obbligo di mascherina fino al 15 ottobre: Fedriga firma l'ordinanza

  • Ricercata da cinque anni, faceva la escort a Trieste: arrestata 28enne

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TriestePrima è in caricamento