Cronaca

Soccorso alpino: recuperata una famiglia triestina nei boschi di Malborghetto

La famiglia ha chiesto aiuto tramite il Nue 112 ed è stata ritrovata grazie alla procedura sms locator che ne ha individuato le coordinate

Una squadra di sette uomini del Cnsas di Cave del Predil è intervenuta ieri pomeriggio per recuperare e riportare a valle una famiglia di Trieste che si era persa nei boschi sul lato nord del Jôf di Miezegnot, in comune di Malborghetto, nelle Alpi Giulie.
La richiesta alla stazione è arrivata tramite attivazione del Nue 112, con chiamata da cellulare da parte dei dispersi. Ed è stato proprio attraverso il cellulare, con l'attivazione della procedura sms locator dalla centrale operativa di Torino, che si è riusciti ad ottenere le coordinate per individuare la posizione precisa della famigliola.
Questa era composta da due adulti, marito e moglie con due figli e un nipote, tutti minorenni.
Il gruppo aveva abbandonato il sentiero dopo Malga Strechizza salendo nel bosco e perdendo l'orientamento a quota 1260 metri. A questo si è aggiunto l'imprevisto della puntura di una vespa per uno dei ragazzi e il fatto di trovarsi in un tratto ripido e impervio.
Gli uomini del Cnsas sono arrivati sul posto effettuando prima un tratto su mezzo fuoristrada lungo pista forestale e poi mezzora a piedi. Il rientro è stato invece più lungo proprio a causa del terreno scosceso, sul quale la famiglia, provata dalla vicenda, è stata scortata con le dovute cautele.
Il gruppo è stato accompagnato poi a Malborghetto fino all'automobile, con il mezzo del Cnsas.
Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Soccorso alpino: recuperata una famiglia triestina nei boschi di Malborghetto

TriestePrima è in caricamento