Cronaca

Soccorso Alpino: passaggio epocale con la nuova legge regionale

Riguardo alla compartecipazione di spesa la Giunta provvederà a regolamentare in un secondo tempo i casi in cui verrà prevista a carico dell’utente, ovvero quando quando “l’intervento è richiesto da quest'ultimo o riconducibile a esso”

È stata approvata ieri, 31 maggio 2017, in Regione, la proposta di legge regionale n.205 denominata Disposizioni per la valorizzazione e il potenziamento del Soccorso Alpino: la legge verrà pubblicata nei prossimi giorni nel Bur.
Con questo provvedimento legislativo il Soccorso Alpino del Friuli Venezia Giulia (Cnsas - Fvg) ha ottenuto da parte della Regione una sostanziale valorizzazione e un potenziamento, in termini professionali, delle sue competenze in tema di soccorso sanitario in ambiente montano, impervio e ipogeo.
Grazie a questa legge la Regione riconosce al Cnsas - Fvg: 1) la funzione di coordinamento operativo negli interventi di soccorso in ambiente alpino e ipogeo, ostile e impervio; 2) il ruolo di riferimento esclusivo per l'attuazione del soccorso sanitario in tali ambienti inserendolo nella Sanità regionale; 3) il ruolo di struttura operativa del servizio nazionale della Protezione Civile nei casi di emergenze e calamità nei suddetti ambienti.

Il primo punto riconosce al Cnsas competenze tecniche e professionali specifiche nei contesti di terreno impervio rispetto ad altri corpi con i quali collabora.
Il secondo punto inserisce il Cnsas nel sistema di emergenza e urgenza sanitaria, quello in cui si trova ad operare più frequentemente migliorando così strategie, operatività e aspetti finanziari delle operazioni di soccorso.
Il terzo punto fa sì che in caso di emergenze e calamità anche a livello nazionale il Cnsas, venga chiamato come struttura operativa del servizio nazionale della Protezione Civile.
Si tratta di un passaggio epocale per la storia del sodalizio friulano.
Nato nel lontano 1954, con la Stazione Alpina fondata a Cave del Predil, il Cnsas - Fvg conta oggi un corpo attivo con trecentosessantaquattro uomini, tutti tecnici specializzati volontari, pronti ad offrire la propria disponibilità e esperienza sul campo gratuitamente, precisa e puntuale in qualsiasi angolo del territorio dove ci sia una montagna, una forra, una cavità sotterranea o terreno impervio nell'arco dei 365 giorni dell'anno, con qualsiasi condizione di tempo e in qualsiasi ora del giorno e della notte.

La legge menzionata sancisce altre importanti novità. La prima è l’aver ottenuto una forma di finanziamento non più frammentata attraverso varie fonti, ma unica, attingendo dal bilancio stesso della sanità, attraverso la Convenzione unica.
Un’altro passo importante della legge è quello che ha portato ad un rafforzamento del legame con l’elisoccorso presso la centrale unica per l’emergenza sanitaria (Sores) con un riconoscimento del ruolo operativo dei tecnici del Cnsas.
Per quanto riguarda lo spinoso aspetto legato alla compartecipazione di spesa per chi si avvale dell’elisoccorso, rimane confermato che l’intervento con l’elicottero in caso di esigenza sanitaria o di accertamenti diagnostici è sempre gratuito, rientrando nella tassazione generale già applicata al cittadino per questioni di salute.
Mentre la Giunta provvederà a regolamentare in un secondo tempo i casi in cui verrà prevista la compartecipazione di spesa a carico dell’utente che è prevista quando “l’intervento è richiesto da quest'ultimo o riconducibile a esso”.
L’intervento delle squadre di soccorso via terra ed in generale rimane sempre gratuito.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Soccorso Alpino: passaggio epocale con la nuova legge regionale

TriestePrima è in caricamento