Domenica, 25 Luglio 2021
Cronaca

Sputa in faccia all'autista che non lo fa fumare in bus: condannato

L'episodio risale all'ottobre del 2013, quando il 38enne Crescenzo Conte, in seguito all'invito dell'autista di spegnere la sigaretta che tranquillamente si era acceso e beatamente fumava sull'autobus numero 37, lo aveva violentemente minacciato e aggredito, fino al volgare gesto di sputargli in volto

Foto di repertorio

Condannato il 38enne Crescenzo Conte in seguito all'incivile episodio di cui si era fatto protagonista nell'ottobre del 2013. Mentre si trovava sull'autobus della linea 37 aveva pensato bene di accendersi una sigaretta e mettersi tranquillamente a fumare, in barba a tutti i divieti e alla presenza di altri passeggeri che gli avevano chiesto di spegnere.

Alcuni cittadini, visto il menefreghismo dell'uomo si erano rivolti all'autista che immediatamente aveva fermato l'autobus chiedendo al 38enne di spegnere la sigaretta.

Per tutta risposta Crescenzo Conte era andato su tutte le furie e aveva cominciato a minacciare violentemente l'autista, per poi aggredirlo fisicamente e infine sputando in viso all'uomo in servizio che si era visto costretto a chiamare le forze dell'ordine.

Ora il giudice Massimo Tommasini di Trieste lo ha condannato a 4 mesi di reclusione e un risarcimento danni per un valore di 1000 euro.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sputa in faccia all'autista che non lo fa fumare in bus: condannato

TriestePrima è in caricamento