rotate-mobile
Giovedì, 23 Maggio 2024
Sparatoria in Questura

Caso Meran verso la svolta: arriva la richiesta di appello

Interviene il legale dell'agente Resmini, ferito a una mano nella sparatoria. Secondo una nuova perizia collegiale, alcuni dei comportamenti assunti da Meran sarebbero stati in contrasto con la tesi dell'incapacità di intendere e volere

Possibili novità in vista sul processo ad Alejandro Meran, il 32enne dominicano giudicato non imputabile per l'omicidio degli agenti Rotta e Demenego, perché incapace di intendere e volere. Come riporta il Tgr Rai Fvg, è stata infatti depositata richiesta di appello da parte dell'avvocato Roberto Mantello, legale dell'agente Cristiano Resmini, ferito a una mano durante la sparatoria.

Alla base della richiesta di revisione ci sarebbero alcuni comportamenti di Meran il giorno dell'omicidio e nel periodo seguente, esaminati in una perizia collegiale, che andrebbero in contrasto con la tesi dell'incapacità di intendere e volere. Tra questi il fatto che l'uomo facesse uso di cannabis e oppiacei, scelta che potrebbe essere considerata consapevole, oltre al tentativo di fuga dopo l'omicidio, la dimestichezza nell'usare l'arma da fuoco e la resa volontaria dopo aver esploso i colpi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Caso Meran verso la svolta: arriva la richiesta di appello

TriestePrima è in caricamento