Tamponi gratis per gli operatori delle case di riposo

Saranno a carico del SSr. Riccardi: "Importante continuare la ricerca dei focolai di coronavirus per difendere la salute pubblica e in particolare quella dei soggetti fragili"

"Nell'attuale contesto pandemico i dipartimenti di Prevenzione devono continuare la ricerca dei focolai di coronavirus per difendere la salute pubblica e in particolare quella dei soggetti fragili. Lo screening sugli operatori delle strutture residenziali per anziani è fondamentale per tutelare la salute degli ospiti, quindi il Sistema sanitario regionale non attribuirà costi alle case di riposo per l'attività di tracciamento disposta dai dipartimenti di Prevenzione".

Lo ha confermato il vicegovernatore del Friuli Venezia Giulia con delega alla Salute, Riccardo Riccardi, intervenendo in merito alle azioni di sorveglianza sugli operatori delle strutture per anziani tramite tampone rino-faringeo per evitare la diffusione del Covid-19.

"Le attività di tracciamento e sorveglianza sanitaria, gestite dai dipartimenti di Prevenzione, sono fondamentali per poter limitare la diffusione della pandemia - ha precisato Riccardi - quindi saranno fatturate agli enti privati solo le richieste di tamponi non connesse ad attività di tracciamento o sorveglianza di comunità nelle quali risiedono soggetti fragili".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Individuare i primi segnali di una polmonite con il saturimetro: come funziona e i migliori modelli

  • Rischio zona rossa, ecco l'ordinanza Fvg: no caffè fuori dai bar e stop ad allenamenti

  • Covid, morire a 45 anni: il pizzaiolo Abbas lascia cinque figli e la moglie

  • Il Friuli Venezia Giulia rischia la zona rossa

  • La Regione valuta la stretta: nel mirino il caffè fuori dai bar e le cene tra amici

  • Famiglia "picchiatrice" entra in casa di una coppia e la pesta a sangue: quattro arresti

Torna su
TriestePrima è in caricamento