Lunedì, 27 Settembre 2021
Cronaca

Ingresso in Slovenia per transfrontalieri, Roberti: "Stop alla richiesta di tamponi"

Roberti: "Nelle prossime ore il governatore Fedriga invierà una lettera sia al governo sloveno che a quello italiano intanto per ottenere subito un rinvio di questo provvedimento e successivamente la totale esenzione per i transfrontalieri"

"Siamo preoccupati per la decisione presa dalla vicina Slovenia di chiedere un tampone rapido negativo ogni settimana a chi attraversa il confine quotidianamente per lavoro o studio". Lo afferma l'assessore alle Politiche dell'immigrazione del Friuli Venezia Giulia, Pierpaolo Roberti.

"Nelle prossime ore il governatore Fedriga invierà una lettera sia al governo sloveno che a quello italiano intanto per ottenere subito un rinvio di questo provvedimento e successivamente - sottolinea Roberti - la totale esenzione per i transfrontalieri". "Se i Paesi limitrofi non faranno un passo indietro rispetto queste scelte, l'unico modo per tutelarci - afferma l'assessore - sarà quello di imporre il tampone anche a chi, provenendo da Slovenia e Austria, volesse entrare in Italia".

Anche secondo la senatrice Tatjana Rojc (Pd) l'obbligo di tampone settimanale dovrebbe essere revocato: “Ho già fatto pervenire per vie brevi alle Autorità slovene il forte rammarico per un’iniziativa unilaterale e davvero poco comprensibile, che danneggia tutti di qua e di là del confine, in primo luogo i lavoratori transfrontalieri. Auspico che si vorrà dare ascolto allo sconcerto espresso da tanti soggetti e categorie e che l’obbligo di tampone settimanale sia revocato”. Per la senatrice “occorre usare molta cautela quando si interviene sul regime dei transiti confinari e ovviamente correttezza suggerirebbe di attenersi alle linee stabilite dall'Unione Europea”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ingresso in Slovenia per transfrontalieri, Roberti: "Stop alla richiesta di tamponi"

TriestePrima è in caricamento