rotate-mobile
Sabato, 4 Dicembre 2021
Cronaca

Vaccini in Porto vecchio, la segnalazione dei cittadini: “Non siamo stati avvertiti del cambio sede”

Poggiana (Asugi): "Abbiamo dato comunicazione su stampa e sito. Più di 900 persone da gestire con risorse disponibili, da domani potenzieremo chiamate ed sms"

"Avevo appuntamento a Cattinara per il vaccino, ma non sono stato avvertito che la nuova sede era in Porto vecchio" un gap comunicativo tra azienda sanitaria e i cittadini è stato segnalato in redazione e verificato sul posto da Trieste Prima. Le segnalazioni via mail e le persone intervistate davanti alla centrale idrodinamica riferiscono che il loro appuntamento, fissato anche settimane prima, avrebbe dovuto essere all'ospedale di Cattinara e "nessuna chiamata, messaggio o e-mail ci ha avvertiti del cambio di sede". Il nuovo centro vaccinale alla Centrale idrodinamica, infatti, opera in sostituzione del precedente punto vaccini a Cattinara.

In realtà Asugi aveva diramato agli organi di stampa e pubblicato sul suo sito un comunicato in cui si avvisava che "da mercoledì 18 marzo, nell’Ospedale di Cattinara non si eseguiranno più vaccinazioni anti Covid. Tutti gli appuntamenti sono spostati alla Centrale Idrodinamica del Porto Vecchio, mantenendo invariato lo stesso giorno e ora dell’appuntamento. Continua ad essere operativa la sede presso l’ospedale Maggiore per chi ha già appuntamento per vaccino o richiamo". Erano stati inviati anche degli Sms ed effettuate chiamate ad alcuni telefoni fissi, ma la comunicazione non è stata sufficientemente capillare.

La maggior parte degli intervistati ha saputo all'ultimo momento del cambio per vie traverse, dalla stampa o da amici che lavorano nella sanità, ma nessuno degli interpellati ha ricevuto personalmente la comunicazione. In molti, invece, sono andati in ospedale per poi scendere in centro, con ovvi disagi e qualche ritardo. "Mi aspettavo una chiamata o un avviso - spiega il marito di un insegnante che riceve il siero all'interno della centrale - come accade quando gli appuntamenti o le visite subiscono variazioni. Siamo andati in ospedale e abbiamo trovato il deserto, così abbiamo dovuto precipitarci qua, ma siamo a Trieste da poco e non conoscevamo il Porto vecchio, quindi anche trovare il posto non è stato facile".

"Non c'è segnaletica - conferma un'altra insegnante -, chi arriva a piedi e non conosce la zona rischia di girare a vuoto perchè non c'è nulla che indichi la direzione per un centro vaccinale. E non immagino gli anziani o chi ha problemi di deambulazione, per i quali esiste la linea 81 che però non è operativa nei weekend, come oggi". Va tuttavia specificato che i vaccini Pfizer, destinati agli ultra ottantenni, vengono per lo più somministrati all'ospedale Maggiore, e che si può raggiungere la centrale anche con la linea 6, operativa nei weekend, scendendo prima del cavalcavia e camminando per cinque minuti.

"Già ci sono stati attimi di tensione con il vaccino AstraZeneca - spiega un giovane maestro di musica -, anche se sono stati chiariti e i rischi dovrebbero essere infinitesimali c'è sempre un po' di tensione, come prima di ogni iniezione o prelievo. Questi inconvenienti rendono tutto più difficile. Anche i numeri verdi sono difficili da contattare".

Il direttore generale di Asugi Antonio Poggiana, raggiunto al telefono, spiega che "Abbiamo utilizzato il sistema più veloce e sicuro ossia quello a mezzo stampa e già da domani provvederemo a chiamare gli interessati direttamente con chiamate e sms. Sia oggi che domani stiamo facendo telefonate dirette ma si tratta di 900 persone e dobbiamo avvertirle tutte compatibilmente con i mezzi che abbiamo a disposizione. Va rilevato che alcuni non rispondono, nemmeno alla seconda chiamata. In ogni caso il vaccino è stato somministrato a chiunque si sia presentato, anche arrivando in ritardo. Chi non si è fatto vedere, per motivi che non sappiamo, potrà prenotarsi nuovamente". Per quanto riguarda invece la segnaletica carente, Poggiana ricorda che "la problematica non è in capo all'azienda ma al Comune, e comunque domani stesso esporrò la questione al Sindaco".

Questi i numeri da contattare in caso di dubbi:

URP dell’Ospedale di Cattinara      040 3994880    da lunedì a venerdì dalle 8:30 alle 13:00

URP ex territorio                              040 3997180   da lunedì a venerdì dalle 8:30 alle 13:00

Numero verde Sanità                        800 991170   da lunedì a venerdì dalle 8:30 alle 13:00 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vaccini in Porto vecchio, la segnalazione dei cittadini: “Non siamo stati avvertiti del cambio sede”

TriestePrima è in caricamento