Due ventenni bloccati in Val Rosandra: salvati dal Soccorso Alpino

I ragazzi avevano raggiunto il torrente percorrendo il sentiero e anziché tornare indietro per lo stesso percorso avevano imboccato un canale detritico con saltini di roccia.

La stazione di Trieste del Soccorso Alpino e Speleologico è intervenuta nel tardo pomeriggio in Val Rosandra attivata dal NUE112 e dalla Sores per portare in salvo due ventenni, un ragazzo e una ragazza entrambi di Roma. I ragazzi avevano raggiunto il torrente percorrendo il sentiero e anziché tornare indietro per lo stesso percorso avevano imboccato un canale detritico con saltini di roccia. Ad un certo punto non sono riusciti più a proseguire né in salita né in discesa, bloccati ad un centinaio di metri di distanza dalla cascata. Ad individuarli è stato un tecnico del Soccorso Alpino che da Bottazzo si è spostato, sul versante opposto della valle per poter capire bene dove eventualmente effettuare una calata con la corda dall'alto. Il soccorritore ha attraversato il solco vallivo e raggiunto da altri sei soccorritori ha preparato con loro una calata di circa trenta metri. I ragazzi sono stati dotati di casco e imbracatura, legati e recuperati in un luogo sicuro sul sentiero. Sul posto anche i Vigili del Fuoco

7e847c67-7b2b-42fd-af69-a6846f6ceb2c-(W).JPG-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Fedriga: “Il Fvg non andrà in zona rossa”

  • Trovata morta in mare a Grignano: aveva 62 anni

  • I migliori panifici di Trieste secondo il Gambero Rosso

  • Covid, Fedriga: "Rt in calo, possibile ritorno in zona gialla dalla prossima settimana"

  • Il Wi-Fi in casa è pericoloso per la salute: l'Iss fa chiarezza

  • Indietro fino ad inizio ottobre, nei 1432 positivi di oggi "pesano" i dati di Insiel

Torna su
TriestePrima è in caricamento