menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Benzina 2: Pdl in Consiglio Regionale. " Il Pendolarismo in Slovenia e' Costato Finora 230 Mln di Euro all'Erario"

Riceviamo dai consiglieri Pdl Galasso e Colautti e publbichiamo:“La Giunta del FVG assieme alle altre Regioni interessate (Lombardia e Piemonte) deve intraprendere le opportune iniziative nei confronti dello Stato affinché provveda ad un...

Riceviamo dai consiglieri Pdl Galasso e Colautti e publbichiamo:

"La Giunta del FVG assieme alle altre Regioni interessate (Lombardia e Piemonte) deve intraprendere le opportune iniziative nei confronti dello Stato affinché provveda ad un adeguamento delle compartecipazioni sulle accise dei carburanti della Regione Friuli Venezia Giulia, modificando la legge 244/2011 art.1 commi da 187 a 189, mediante l'attribuzione di quote come tributo con un'apposita norma che modifichi la legge 549/1995. Il pendolarismo del pieno sta constando al FVG e al Paese una perdita di entrate di circa 230 milioni di euro".

Lo chiedono con una mozione il consigliere del Pdl primo firmatario Alessandro Colautti, il presidente del Gruppo Pdl, Daniele Galasso assieme a tutti i presidenti dei diversi gruppi in Consiglio Regionale e numerosi consiglieri regionali.

"L'incremento delle accise sui carburanti intervenuto a livello nazionale nel corso dell'esercizio finanziario 2011 (da ultimo con L 214/2011) sta avendo pesanti ripercussioni sulle vendite dei prodotti per autotrazione nelle regioni Lombardia e Piemonte e in Friuli Venezia Giulia. Tutto ciò - precisano - comporta per l'Italia una fiscalità di svantaggio rispetto a tutti gli Stati confinati, che, in particolare, è di oltre 30 centesimi/litro per la benzina ed oltre 40 centesimi/litro per il gasolio".

"L'elevatissimo divario dei prezzi determina un pendolarismo del pieno con il conseguente calo di erogazione di carburanti che si stima del 50-60% a seconda del prodotto".

"La perdita per l'erario, derivante dal mancato introito delle accise e dell'imposta sul valore aggiunto su tali cospicui quantitativi di carburanti, viene stimata per l'anno 2012 nell'ordine di circa 265 milioni di euro per le aree confinanti delle regioni Piemonte e Lombardia e di circa 230 milioni di euro per le aree confinati della regione Friuli Venezia Giulia, per complessivi quasi 500 milioni di euro, corrispondenti ad oltre il dieci per cento del maggior gettito previsto dall'aumento determinato ai sensi dell'articolo 15 della L 214/201".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Salute

Controlli gratuiti per le donne: torna l'H-Open Week di Onda

social

Storie del territorio: perché il Friuli Venezia Giulia non è "il Friuli"

social

Risi e bisi: la ricetta

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento