Politica

Caos centrodestra, Salvini non conferma Tondo: a Udine i leghisti inneggiano a Fedriga

La posizione dei militanti è chiara, meno quella del leader nazionale del partito, che invece di dirimere la matassa sulla corsa regionale prende tempo e rimanda la questione. «Avete avuto tante settimane di pazienza, portatene ancora per qualche ora»

Fedriga, Salvini e Fontanini

«Avete avuto tante settimane di pazienza, portatene ancora per qualche ora». Questa la frase di Matteo Salvini che lascia aperte le speranze della base leghista presente ieri a Reana del Rojale dove leader del Carroccio ha voluto incontrare e ringraziare gli elettori del FVG per il risultato alle scorse elezioni politiche.

Un Salvini che inizialmente, al suo arrivo, spiega che su Renzo Tondo c'è l'accordo della coalizione, ma poi, davanti i circa 600 del Palamostre che inneggiano a Massimiliano Fedriga appunto chiede qualche ora ancora di tempo: «Farò tutto il possibile. C'è una squadra, ma a me piace vincere. E allora datemi fiducia. Non prometto quello che non ho in tasca, ma metterò tutto l'impegno perché la situazione possa cambiare».

Salvini ammette che non si può governare dappertutto anche con una lega al 26% come in FVG: «Non avremo un nostro sindaco in ogni comune, anche se abbiamo stravinto ovunque». Nonostante tutta la Lega voglia Fedriga candidato contro Bolzonello e Fraleoni Morgera, c'è anche chi inizia a rivalutare l'ipotesi Riccardo Riccardi, mentre altri ipotizzano Barbara Zilli, insomma il clima di incertezza non è per niente stato fugato, anzi la partita sembra sempre più aperta ad appena 5 giorni dalla consegna delle liste.

Quanto al Governo nazionale, Salvini rassicurati i suoi che «al governo con Renzi e Serracchiani la Lega non va».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Caos centrodestra, Salvini non conferma Tondo: a Udine i leghisti inneggiano a Fedriga

TriestePrima è in caricamento