rotate-mobile
Politica

Cosolini: "Riequilibrare le Tasse dei Triestini"

Un’importante iniziativa che potrebbe determinare a breve una significativa “rivoluzione” nel settore delle tariffe, oneri e tasse varie di competenza comunale, è stata lanciata oggi dal Sindaco di Trieste Roberto Cosolini. Il Sindaco ha infatti...

Un'importante iniziativa che potrebbe determinare a breve una significativa "rivoluzione" nel settore delle tariffe, oneri e tasse varie di competenza comunale, è stata lanciata oggi dal Sindaco di Trieste Roberto Cosolini.
Il Sindaco ha infatti chiesto, in sede di Giunta, a tutti gli Assessori di effettuare rapidamente innanzitutto una completa ricognizione, nei rispettivi ambiti, delle diverse situazioni impositive esistenti, con l'obiettivo di valutarle dal punto di vista dell'equità.
In merito Cosolini ha fatto anche degli esempi, per così dire "emblematici":

"Se l'occupazione di suolo pubblico di un caffè o di un ristorante in via San Nicolò o sulle Rive - ha osservato - costa come quella di un esercizio in periferia, è evidente che siamo in presenza di un sostanziale disequilibrio: prezzi praticabili e flussi di clienti non sono infatti certo comparabili."
Cosolini intende poi condurre delle verifiche, con lo stesso criterio-base, anche per gli altri tributi e imposte comunali, sempre con l'obiettivo di portare a delle giuste "differenziazioni" - laddove consentite - che tengano conto appunto della diversità delle situazioni, della sostenibilità dei costi e quindi dei principi di equità generale.
Anche sull'Addizionale IRPEF, che oggi è al massimo previsto per tutti i contribuenti, il Comune di Trieste intende valutare l'applicabilità di misure di differenziazione: "E' chiaro che di tutto ciò va anche valutato l'impatto sul Bilancio comunale - ha concluso Cosolini - però è altrettanto vero che, specie in una situazione di crisi come quella odierna, un'Amministrazione cittadina responsabile debba pure tener conto delle effettive capacità dei propri cittadini e delle attività economiche del nostro territorio, specie le più piccole, di far fronte a costi generali ormai crescenti. E auspicheremo nel contempo che i cittadini, da parte loro, riconoscano la sostanziale equità sociale nella applicazione di imposte e tributi da parte del "pubblico" e in particolare dell'Amministrazione comunale di Trieste".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cosolini: "Riequilibrare le Tasse dei Triestini"

TriestePrima è in caricamento