Politica

Esof 2020, Pd: «Risultato straordinario frutto di un lavoro corale intenso»

Il gruppo consiliare regionale del Partito Democratico plaude alla proclamazione di Trieste città europea della scienza per il 2020

«È stata premiato il sistema della scienza triestino, ma anche la città, lo sforzo di Regione e Governo, e una location straordinaria come Porto Vecchio». ha affermato Antonella Grim, segretaria regionale del Pd Fvg commentando la proclamazione di Trieste città europea della scienza 2020.

Secondo Grim «l’impegno dietro alla candidatura della città è stato importante, ha coinvolto le istituzioni dal Fvg a Roma, con tenacia, orgoglio e la consapevolezza di avere un patrimonio scientifico di raro valore. Il progetto presentato dagli enti di ricerca ha fatto leva sul nostro punto di forza: il legame fortissimo tra scienza e territorio. Lo dimostra il fatto che il cuore delle iniziative sarà Porto Vecchio, in cui noi abbiamo creduto in questi anni perché convinti che sia il vero futuro della città e un motore straordinario per tutto il Fvg».

«Un risultato straordinario per Trieste, per il Fvg e per il Paese: questo territorio ha la scienza nel suo Dna ed è arrivato il giusto riconoscimento» ha commentato l’eurodeputata del Pd Isabella De Monte.

Secondo De Monte «sapevamo che Trieste aveva tutte le carte in regola per diventare capitale europea della scienza 2020. Dietro a questa candidatura c’è stato un lavoro corale molto intenso, che ha prodotto un risultato eccezionale. A Trieste il sistema della scienza è profondamente radicato sul territorio, è nella sua storia, e questa sarà una grande occasione di promozione a livello internazionale».

 «Il successo della candidatura premia il lavoro dei due promotori, il presidente della Fondazione Internazionale Trieste, Stefano Fantoni e Pierpaolo Ferranti, ma anche il grande gioco di squadra che in questa occasione il territorio in tutte le sue massime rappresentanze istituzionali, dalla Regione al Comune, dalle Università agli Enti di ricerca, ha saputo dare» ha aggiunto il consigliere regionale del Pd, Franco Codega, presidente della VI commissione competente negli ambiti della ricerca scientifica e tecnologica.

«In questa partita – continua Codega – fondamentale è stata la capacità della città di porsi come interlocutrice in Europa dell’intero est europeo, con l’appoggio intervenuto dai ministri del Montenegro, della Serbia, della Slovenia, dell’Ungheria, Bulgaria e di tante accademie e istituzioni scientifiche dell’Europa orientale. Preziose infine le lettere inviate al segretario generale di Euroscience Peter Tindemans da parte dei ministri Fedeli, Franceschini, Alfano e Delrio. Insomma un grande gioco di squadra che ha portato al successo finale. Ora bisogna giocare bene questa carta, per Trieste e per l’intera regione».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Esof 2020, Pd: «Risultato straordinario frutto di un lavoro corale intenso»

TriestePrima è in caricamento