menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Muggia, opposizione: «Nesladek senza maggioranza, Comune commissariato dalla Regione»

I consiglieri di opposizione: «Il Partito Democratico respinge la proposta di confronto del centro destra sui progetti della costa. Il commissario della Regione effettuerà le surroghe dei consiglieri che si erano dimessi e approverà gli equilibri di bilancio»

«La seduta di ieri ha messo ancora una volta in evidenza come l’ultimo anno di mandato del sindaco Nesladek si stia complicando ogni giorno di più. Non sono bastate le numerose difficoltà politiche ed amministrative di questi ultimi tempi a ricondurre il sindaco e il PD ad un rapporto più sereno nei confronti dell’opposizione».

Lo rilevano in una nota Claudio Grizon, Paolo Prodan, Nicola Delconte, Christian Gretti, Dario Grison (PDL), Daniele Mosetti (Fratelli d'Italia) e Claudio di Toro (indipendente).

«Mai - continua la nota - si è visto infatti un sindaco a Muggia indire conferenze stampa contro l’opposizione per accusarla di ogni nefandezza, a cui hanno fatto seguito volantini denigratori nei nostri confronti, nell’imbarazzante e sterile tentativo di distogliere l’attenzione dei cittadini dai fallimenti della sua amministrazioneNonostante tutto ieri eravamo pronti ad evitare al sindaco l’onta del doppio commissariamento da parte della Regione, che scatterà entro dieci giorni, sulle surroghe dei due consiglieri dimissionari e sulla delibera sugli equilibri di bilancio».

«Ma dopo - continuano -  che è stata respinta la nostra unica richiesta di rinviare di poco più di dieci giorni la delibera relativa ai lavori della costa e sull’area ex Acquario, al fine di poter approfondire i contenuti dei progetti illustrati solo sommariamente in commissione, non abbiamo potuto far altro che bocciare ancora una volta Nesladek ed il PD, al pari del TAR sulla vicenda delle antenneDopo aver assistito per anni, da parte del sindaco, a retorici inviti al confronto nel merito dei grandi progetti ieri abbiamo avuto la conferma della sua ipocrisia politica e di quella del PD in quanto hanno respinto la nostra disponibilità. Il pasticcio, tutto targato PD, sulle dimissioni di consiglieri e assessori ha posto in una condizione di ingovernabilità il Comune riducendo ormai la “maggioranza” a soli 11 voti su 21».

«Spiace rilevare - concludono -  che l’immotivato sostegno al PD da parte di Ferdinando Parlato di Un’Altra Muggia, per altro sempre coinvolto nelle nostre decisioni, che inizialmente sembrava solo una “birichinata”, si sta invece rivelando come un’apparente supporto esterno allo schieramento del centro sinistraSituazione questa che, senza nessuno si arrovelli, rischia di porre definitivamente Un’Altra Muggia al di fuori della coalizione del centro destra».  

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Come preparare il lievito madre in casa

Cura della persona

Maskne: cause e rimedi per combattere la nuova acne da mascherina

social

Cucina triestina: la ricetta del baccalà mantecato

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Veicoli Commerciali

    Mezzi pesanti: regole e limiti di velocità

  • Scuola

    Metodo di studio: i consigli per memorizzare in poco tempo

Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento