Cambi di casacca in Consiglio comunale / Barriera Vecchia - Città Vecchia / Piazza Unità d'Italia

Due consiglieri comunali passano a FdI, Rescigno: "Problemi di gestione nella Lista Dipiazza"

Circa un mese fa Rescigno e Codarin erano transitati dalla Lista Dipiazza al gruppo misto insieme ad altri due ex colleghi di partito. Rescigno: "In Ld fin dall’inizio tensioni abbastanza rilevanti". Codarin: "Condivido valori di Fratelli d'Italia"

I consiglieri comunali Massimo Codarin e Vincenzo Rescigno passano dal Gruppo Misto a Fratelli d’Italia. Circa un mese fa erano transitati dalla Lista Dipiazza al misto, comunque a sostegno del sindaco e della maggioranza, insieme ad altri due ex colleghi di partito. La decisione era seguita alla nomina dell’assessore alle politiche sociali Massimo Tognolli, anche lui tra le fila della civica del sindaco Dipiazza. Stando a quanto si apprende, gli ex consiglieri (quattro sui cinque che allora componevano il gruppo consiliare) non avrebbero gradito la modalità della nomina.

Vincenzo Rescigno, contattato al telefono, spiega che all’interno della Lista Dipiazza “si sono dovute affrontare fin dall’inizio tensioni abbastanza rilevanti che hanno determinato la fuga di cinque consiglieri su sei”. Il primo è stato Giampiero Dell’Agata, che è passato alla Lega, poi sono confluiti nel gruppo misto Codarin e Rescigno insieme a Roberto Cason e al presidente del Consiglio Comunale Francesco Panteca. “E’ evidente - sostiene Rescigno - che all’interno della lista Dipiazza c’è un problema di gestione della lista stessa”, dove la questione relativa all’assessore Tognolli “si somma a tante altre cose e l’uscita di cinque consiglieri su sei significa qualcosa d’importante che è successo”.

Rescigno, infine, motiva così la sua scelta “ho iniziato l’avventura politica con un lungo percorso nelle fila di Alleanza Nazionale. Poi, svaniti An e Pdl, ho raccolto l’invito del sindaco per un’esperienza di civismo, che si è conclusa un mese fa. Sono un uomo di destra di ispirazione patriottica, l’unico partito in cui mi rivedo è Fratelli d’Italia, che rappresenta per me il ritorno alla casa madre”.

Massimo Codarin conferma “È con grande orgoglio e impegno che mi unisco a questa squadra di persone e sempre vicino al nostro sindaco Roberto Dipiazza. Ringrazio Fratelli d'Italia per avermi accolto, augurandomi di contribuire, come ho sempre cercato di fare, nel miglior modo possibile al bene di Trieste, nel rispetto di quelli che sono i valori fondanti di Fdi e che condivido.” Plauso per le due ‘new entry’ da parte di Claudio Giacomelli e Nicole Matteoni, segretario e vice segretario provinciale di Fratelli d’Italia Trieste, che danno il benvenuto a “nuove forze a sostegno del sindaco”. I consiglieri meloniani in municipio passano ora da otto a dieci.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Due consiglieri comunali passano a FdI, Rescigno: "Problemi di gestione nella Lista Dipiazza"
TriestePrima è in caricamento