menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Riccardi: «Fascicolo sanitario elettronico operativo entro l'anno»

«Sono state superate le problematiche collegate alla normativa sulla privacy. Subito dopo l'incontro previsto a breve con i direttori delle aziende sanitarie e dei distretti avvieremo la sperimentazione che consentirà di rendere operativo questo utile strumento»

«Il fascicolo sanitario elettronico sarà operativo entrò quest'anno». Lo ha annunciato oggi il vicegovernatore della Regione con delega alla Salute, Riccardo Riccardi, durante l'incontro con i presidenti dei quattro ordini dei medici chirurghi e degli odontoiatri del Friuli Venezia Giulia, Claudio Pandullo (Trieste), Roberta Chersevani (Gorizia), Maurizio Rocco (Udine) e Guido Lucchini (Pordenone), al quale ha partecipato anche il direttore regionale Salute, politiche sociali e disabilità, Gianni Cortiula.

Riccardi ha spiegato che «sono state superate le problematiche collegate alla normativa sulla privacy. Subito dopo l'incontro previsto a breve con i direttori delle aziende sanitarie e dei distretti avvieremo la sperimentazione che consentirà di rendere operativo questo utile strumento».

Il vicegovernatore ha quindi ribadito «l'importanza del fascicolo elettronico, il quale permetterà l'aggiornamento rapido e la condivisione delle informazioni relative alla salute dei pazienti da parte dei medici di famiglia, degli specialisti e delle strutture sanitarie regionali, che avranno così un quadro completo delle condizioni degli utenti, degli esami effettuati e delle eventuali terapie a loro prescritte. In tal modo garantiremo prestazioni migliori ai cittadini ed eviteremo, ad esempio, la ripetizione di esami già effettuati».

Accogliendo con favore la notizia, i presidenti hanno evidenziato a Riccardi la necessità di un maggiore coinvolgimento dei medici nei processi decisionali inerenti il riassetto del sistema sanitario regionale e rimarcato l'opportunità di sbloccare il turnover nelle strutture sanitarie, permettendo la sostituzione del personale che nei prossimi anni andrà in quiescenza.

Il vicegovernatore ha confermato «la volontà di rivedere la governance del comparto e dare, pur nel rispetto degli equilibri istituzionali, un chiaro segnale di discontinuità con il passato che consenta di mettere in sicurezza il nostro sistema sanitario ed evitare cali di qualità delle prestazioni erogate, i quali si ripercuoterebbero sui cittadini».

Nel corso dell'incontro, Riccardi e i presidenti si sono quindi confrontati sull'integrazione tra il mondo sanitario e quello universitario, sul tema dell'emergenza-urgenza, nonché sull'esigenza di motivare maggiormente il personale in servizio e il vicegovernatore ha ribadito la massima disponibilità al dialogo dell'amministrazione regionale, al fine di migliorare il livello di efficienza del sistema sanitario del Friuli Venezia Giulia.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Nasa: arriva la prima foto panoramica di Marte

social

'Enoteche d'Italia': la guida del Gambero Rosso premia anche Trieste

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Covid in Fvg: 643 nuovi casi, scende il tasso di positività

  • Cronaca

    Fedriga chiude le scuole, sabato la protesta in piazza Unità

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento