menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sfratto per la Casa delle Culture: la Giunta fa propria la mozione della Lega per la riassegnazione

Nessuna discussione in Consiglio comunale: mozione data per letta dal leghista Paolo Polidori e accolta dal vicesindaco Pierpaolo Roberti

Lo stabile Ater di via Orlandini 38, ora conosciuto come "Casa delle Culture" assegnato all'associazione Ya Basta con un ultima seduta della Giunta Cosolini (3 giugno 2016), avrà un nuovo proprietario per la mozione della Lega Nord che propone «alla Giunta comunale di procedere come meglio ritiene (bando o assegnazione diretta) per risolvere la situazione "precaria", «senza escludere nessuno, sarà la nuova Giunta a stabilire i criteri di assegnazione, ma al sindaco e agli assessori chiediamo tempi brevi», aveva affermato il capogruppo Paolo Polidori in commissione.

Nel Consiglio comunale del 30 gennaio invece non si è discusso a riguardo, forse per evitare reazioni dei giovani dell'associazione Ya Basta momentaneamente fuori dall'Aula (sotto il Municipio un folto numero di agenti in tenuta antisommossa per evitare i problemi del passato Consiglio che portava una mozione simile), forse per accordi presi in precedenza: Paolo Polidori ha infatti dato per letta la mozione e il vicesindaco Pierpaolo Roberti ha preso subito la parola affermando che «la Giunta fa propria la mozione».

Orgoglioso Fabio Tuiach (Lega Nord) che indossava la maglietta "celebrativa" "Odio gli anarcofancazzisti", da sempre ha puntato sulla chiusura della Casa delle Culture; contrario e contrariato invece Giovanni Barbo (Partito democratico): «Mozione tecnica? Nulla dice la Lega di altri locali utilizzati da altre associazioni con medesima convenzione. Nulla dice dei numerosi spazi sfitti che potrebbero essere assegnati ad associazioni meritevoli. Ennesima triste ripicca mascherata di ipocrisia e di non-volontà (o incapacità) di proporre idee e progetti per la nostra città».  Al collega di partito si aggiunge anche l'ex sindaco Roberto Cosolini: «Doveva essere discussa stasera la mozione della Lega Nord che in sostanza chiede alla Giunta di togliere la sede alla Casa delle Culture... Doveva perché è stata data per presentata e poi fatta propria subito dalla Giunta, ovvero da Roberti, per evitare la discussione e il voto in aula. Paura di un confronto in aula da parte della maggioranza? Imbarazzo per le cose che avrebbero potuto dire Tuiach & soci? In ogni caso un'altra brutta pagina da parte di questa destra, consumata come al solito mentre "brillava" l'assenza del Sindaco!». 

Ora sarà compito della Giunta predisporre la strada che riterrà più appropriata per l'assegnazione dell'immobile. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Torta rustica di polenta e verdure: la ricetta

social

Come cucinare una carbonara perfetta: la ricetta originale

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Covid: calano isolamenti e ricoveri, a Trieste 167 contagi

  • Cronaca

    Vaccini: sospese le prenotazioni per gli under 60

  • Cronaca

    La Croazia riapre ai turisti: ecco le regole

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento