Domenica, 25 Luglio 2021
Politica

Sostegno al reddito, Sergo (M5S): «Applicazione legge disastrosa, contributi a singhiozzo»

È del tutto negativo il giudizio del portavoce del M5S Cristian Sergo sulla concreta applicazione di queste misure tanto attese dai cittadini del Friuli Venezia Giulia

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TriestePrima

«Poco più di un anno fa, il 29 giugno 2015, vennero approvate in Consiglio regionale le nuove Misure attive di inclusione sociale e di sostegno al reddito. Un provvedimento allora salutato dalla presidente Serracchiani, giustamente, con grande enfasi: "Credo che veramente stiamo sperimentando un mondo nuovo… Rispetto a una crisi che si protrae da così tanto tempo e alle sfide che abbiamo di fronte intendiamo mettere in campo tutti gli strumenti possibili per andare a cercare le povertà e combatterle". Bene, a che punto siamo dopo 12 mesi? Non in alto mare, ma peggio, molto peggio!». È del tutto negativo il giudizio del portavoce del M5S Cristian Sergo sulla concreta applicazione di queste misure tanto attese dai cittadini del Friuli Venezia Giulia. Disastro causato anche dal regolamento votato un anno fa dalla maggioranza e fortemente contestato in Aula dal MoVimento 5 Stelle.

«Il risultato è che i versamenti dovuti continuano a non arrivare in tempo - attacca Sergo -. È appena terminato il terzo bimestre e, anche nei comuni finora considerati virtuosi, dalla giunta Serracchiani arrivano le solite giustificazioni ("abbiamo ricevuto più domande del previsto") e con queste anche gli avvisi di ritardo nei pagamenti ("i soldi che dovevano essere erogati entro il 30 giugno, forse arriveranno entro il 31 luglio"). E tutto questo nonostante le reiterate promesse dell’assessore Telesca, la quale a marzo scommetteva sul fatto che i soldi si sarebbero potuti erogare già all'inizio dei bimestri e non più alla fine, ovvero il primo giorno di maggio. Conti alla mano si sta parlando di un ritardo di ben tre mesi!».

«Secondo l’esecutivo regionale - afferma il portavoce del M5S - la colpa sarebbe degli assistenti sociali troppo lenti nel valutare le pratiche. Da par loro gli assistenti sociali cercano di difendersi ricordando all’universo mondo che sono in pochi, troppo pochi per liquidare rapidamente tutte le domande. E, come se non bastasse, accusano molti cittadini di non essere in grado di compilare in modo corretto le domande necessarie per ottenere il sostegno al reddito. È una gara a chi la spara più grossa! Sta di fatto che la giunta Serracchiani l'ha persino scritto nero su bianco: si aspettava 6 mila domande e ne sono arrivate 12 mila. Ma in due anni e mezzo di amministrazione non si erano accorti della situazione in cui vivono le famiglie? Sono sempre così impegnati a osservare la realtà con le lenti dell'ottimismo?».

«Allo stesso tempo non hanno saputo calcolare – sottolinea Sergo – l’impatto che un simile provvedimento avrebbe avuto sulle amministrazioni comunali e su chi viene chiamato a istruire le pratiche. Tra previsioni totalmente sbagliate e "intoppi" burocratici, le uniche a rimetterci – come sempre – sono le persone più bisognose, quelle che hanno un urgente bisogno di aiuto».

«Siamo di fronte, infatti, all'ennesimo esempio di cattiva amministrazione. Molti cittadini ci hanno segnalato che, non ricevendo la seconda rata del sostegno al reddito, hanno voluto capire quali fossero i problemi alla base dei ritardi. La spiegazione è semplice e desolante al tempo stesso: al momento della consegna della domanda gli assistenti sociali non è stato comunicato a questi cittadini che, nel gennaio 2016, dovevano ripresentare il nuovo Isee. Il regolamento voluto dalla giunta Serracchiani e dalla maggioranza prevede che chi non presenta un nuovo Isee viene di fatto collocato in una posizione di sospensione. E se non si mette in regola finisce per perdere, per sempre, il diritto a ottenere il sostegno economico». 

«La cosa assurda è che questi cittadini risultano "sospesi", in quanto non gli viene erogato alcunché, ma a rigor di legge dovrebbero decadere dalla misura. Tuttavia - precisa Sergo - non solo non hanno mai ricevuto un avviso finalizzato a presentare il nuovo Isee, ma addirittura a queste persone non è stata nemmeno spedita la comunicazione con la motivazione della sospensione. Se questa comunicazione fosse stata inviata, almeno avrebbero potuto sanare questa mancanza. Ma è possibile che con tutti i monitoraggi previsti, il piano di inclusione e le attività da svolgere non ci sia mai stato il modo di avvisare i cittadini di presentare un nuovo Isee? Quanto meno ci auguriamo che nessun cittadino finisca per perdere il sostegno al reddito sulla base di queste motivazioni, altrimenti non potrebbe ricevere nulla per altri dodici mesi. Oltre il danno - conclude il portavoce del M5S - la beffa!».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sostegno al reddito, Sergo (M5S): «Applicazione legge disastrosa, contributi a singhiozzo»

TriestePrima è in caricamento