Targa all'Alma e ai tifosi, Dipiazza: «Siete l'orgoglio della nostra città»

Nella Sala del Consiglio Comunale il sindaco Roberto Dipiazza, assieme all'assessore comunale allo Sport Giorgio Rossi, ha consegnato i riconoscimenti all'Alma Pallacanestro Trieste per gli eccezionali successi sportivi e per la recentissima conquista della serie A1

Atmosfera festosa ieri nella Sala del Consiglio Comunale, dove il Sindaco di Trieste Roberto Dipiazza, assieme all'assessore comunale allo Sport Giorgio Rossi, ha consegnato dei riconoscimenti all'Alma Pallacanestro Trieste, distintasi - come noto - per gli eccezionali successi sportivi e per la recentissima conquista della serie A1. Presenti i vertici di Alma: Luigi Scavone, azionista e rappresentante di Alma S.p.a, il presidente Gianluca Mauro, il General Manager Mario Ghiacci e Maurizio Devescovi, il Direttore Generale di Allianz, la squadra e la 'curva' dei tifosi.

«Siete l'orgoglio della nostra città, in un momento straordinario di grande rilancio su tutti i fronti. Una squadra fortissima che ci ha regalato grandi successi e la conquista eccezionale della serie A1. Momenti indimenticabili che acquistano un significato sportivo enorme a livello nazionale e per Trieste. Grazie di cuore a nome della città a tutti voi, ai vertici di Alma e Allianz, all'ex Sindaco Roberto Cosolini che ci ha portato Ghiacci e alla tifoseria più bella d'Italia». Così il Sindaco di Trieste Roberto Dipiazza, porgendo il benvenuto e i ringraziamenti alla squadra e a tutti i graditissimi ospiti presenti in Sala. Dipiazza ha quindi consegnato due targhe: la prima all'Alma e la seconda ai tifosi, per il fondamentale, caloroso supporto con il quale hanno sempre seguito la squadra in questo cammino.

L'assessore Rossi, associandosi ai ringraziamenti della città e di tutto il mondo sportivo, ha sottolineato la forza e la costante passione che hanno sempre accompagnato i giocatori, che si sono sempre sostenuti l'uno con l'altro superando anche i momenti più difficili. «Hanno saputo infondere anche a noi quella 'spinta emotiva' che ci aiuterà per il futuro. Adesso – ha aggiunto – partiranno i lavori per gli spogliatoi del palazzetto e provvederemo anche al rifacimento della palestra di via Locchi a supporto del mondo giovanile».

«È stata una grande avventura in salita – ha affermato Mario Ghiacci – iniziata per me cinque anni fa. Ho avuto la fortuna di incontrare Gianluca Mauro e Luigi Scavone, sempre molto vicini con la massima disponibilità. Ma il ringraziamento più grande va alla squadra, dodici guerrieri, e ai tifosi, per la loro correttezza impeccabile». Ha quindi portato i saluti dell'allenatore Eugenio Dalmasson, impegnato con la Nazionale under 20.
Maurizio Devescovi ha sottolineato l'impegno di Allianz nel supportare il basket triestino: «Trieste per noi è una città molto importante. Siamo felici di quanto realizzato e desideriamo continuare su questo percorso per il bene della città e della squadra».

Ringraziamenti alla squadra sono stati rivolti anche da Gianluca Mauro: «Avete dimostrato le vostre grandi capacità in azione sul campo. Un plauso va anche all'Amministrazione comunale per il costante, concreto supporto offerto. Grazie a Trieste per l'affetto e il calore dimostrato».
Luigi Scavone ha voluto ringraziare i giocatori «per aver conquistato un grande titolo sportivo che da tempo mancava alla città e che hanno dato l' “anima” portando alto il nome di Trieste e della squadra. Quando l'Alma si impegna in qualcosa, ci riesce fino in fondo!» Anche Scavone ha ringraziato l'Amministrazione comunale, il Sindaco Dipiazza e Allianz, e la 'curva' dei tifosi «che sono stati sempre presenti creando anche delle bellissime coreografie».targaTifosi-2fotogruppo-3

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rissa tra giovani armati di bastoni in largo Barriera, indagini della Polizia

  • "Scambio di persona", spunta un'altra versione sull'aggressione a Muggia

  • Lite in via Carducci, intervento della Squadra Volante

  • Dimagrire in fretta, i trucchi per accelerare il metabolismo

  • Segnala il furto di una macchina a Montedoro, ma per il Direttore e la Polizia non v'è traccia

  • Pugno di ferro del Questore, giù la saracinesca del bar Moderno

Torna su
TriestePrima è in caricamento