menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto d'archivio

Foto d'archivio

Giornata mondiale del libro 2021: l'editoria italiana registra dati positivi nonostante il Covid

Oggi, 23 aprile 2021, si festeggia la Giornata mondiale dedicata al libro e ai diritti d'autore patrocinata dall'Unesco. Durante i primi tre mesi del 2021 la vendita dei libri in Italia ha subito un incremento di quasi il 30% nonostante la crisi economica causata dalla pandemia

Oggi, 23 aprile 2021, si festeggia la Giornata mondiale dedicata al libro e ai diritti d'autore, patrocinata dall'Unesco per promuovere la lettura, la pubblicazione dei libri e la protezione della proprietà intellettuale attraverso il copyright. A partire dal 1996, questa ricorrenza viene organizzata ogni anno il 23 aprile con numerose manifestazioni in tutto il mondo.

Storia

Sulla base di una tradizione catalana, la 28ª sessione della Conferenza Generale dell'Unesco, riunita a Parigi, su proposta di 12 paesi fra cui Australia, Russia e Spagna, ha adottato la risoluzione 3.18 con la quale ha proclamato il 23 aprile di ogni anno "Giornata mondiale del libro e del diritto d'autore".

L'obiettivo della Giornata è quello di incoraggiare a scoprire il piacere della lettura e a valorizzare il contributo che gli autori danno al progresso sociale e culturale dell'umanità. Il 23 aprile è stato scelto in quanto è il giorno in cui sono morti nel 1616 tre importanti scrittori: lo spagnolo Miguel de Cervantes (1547-1616), l'inglese William Shakespeare (1564-1616) e il peruviano Inca Garcilaso de la Vega (1539-1616). In realtà, Cervantes e Garcilaso de la Vega sono venuti a mancare il 23 aprile secondo il calendario gregoriano, mentre Shakespeare è morto il 23 aprile secondo il calendario giuliano, all'epoca ancora in vigore in Inghilterra, e quindi dieci giorni dopo.

Nello stesso giorno sono nati il francese Maurice Druon (1918-2009), il russo Vladimir Nabokov (1899-1977), il colombiano Manuel Mejía Vallejo (1923-1998), l'islandese Halldór Laxness (1902-1998), la scrittrice e giornalista italiana Maria Majocchi (1864-1917), la scrittrice francese Élisabeth de Gramont (1875-1954) e sono morti il catalano Josep Pla (1897-1981), la scrittrice italiana Renata Viganò (1900-1976) e la scrittrice australiana naturalizzata britannica P. L. Travers (1899-1996).

I dati sull'editoria italiana nel 2021

Attualmente i dati provenienti dal settore dell'editoria italiana sono incoraggianti. Durante i primi tre mesi del 2021, infatti, la vendita dei libri ha subito un incremento di quasi il 30%, nonostante la crisi economica causata dalla pandemia. L'Associazione degli Editori Indipendenti riporta che, nel primo trimestre di quest'anno, sono stati venduti 22,8 milioni di libri, il 29,8% in più rispetto allo stesso periodo del 2020, di questi il 91% degli acquisti è avvenuto online. Il ramo dell'editoria indipendente è invece cresciuto del 34%, una cifra superiore alla media di mercato. 

"Questi dati confermano la bontà delle politiche di sostegno al settore proposte da tutta la filiera del libro unita - l'Associazione Italiana Bibliotecari, Aie, Associazione Librai Italiani - e messe in atto nel 2020 da Governo e Parlamento. Ci riferiamo in particolare al sostegno della domanda tramite 18App, la Carta Famiglia e il finanziamento degli acquisti delle biblioteche nelle librerie di prossimità. Tutte misure che chiediamo siano confermate e stabilizzate", ha dichiarato il presidente dell’Aie, Ricardo Franco Levi.

Trieste tra le città che legge più romanzi rosa

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Cosa non regalare mai per la Festa della mamma e perché

social

"Buon viaggio 'doc'": l'ultimo saluto di Manuel al medico che gli salvò la vita

social

Festa della mamma: origini e curiosità

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Via libera alle visite agli ospiti delle Rsa: ecco le regole

  • Cronaca

    Covid: in Fvg 90 nuovi casi, nessun decesso a Trieste

  • Cronaca

    Incendio in via Belpoggio: evacuato lo stabile

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento