Social network: un'evoluzione che dovrebbe porre l'accento sulla tutela della privacy

Oggi più che mai le piattaforme social fanno parte del nostro quotidiano, ma allo stesso tempo cresce sempre di più la preoccupazione di tutela della privacy. Cosa fare per proteggere i nostri dati personali?

Foto d'archivio

I social network sono diventati i mezzi del futuro per comunicare e rimanere connessi con il mondo: usati da adulti ma anche dai più giovani hanno cambiato radicalmente il nostro modo di comunicare e rapportarci agli altri. Attualmente, in una società in continua evoluzione, dove evoluzione non fa sempre rima con sicurezza e progresso, è però in forte crescita la preoccupazione di tutela della privacy sui social.

Oggi più che mai le piattaforme social fanno parte del nostro quotidiano: condividere ogni istante della nostra vita con amici, conoscenti e perfetti sconosciuti è diventata una prassi. Ma queste azioni spesso comportano effetti negativi, quali i facili tentativi di intrusione nella sfera privata di ognuno, mettendo a serio rischio la sicurezza e la riservatezza dei dati personali. Cosa fare dunque per proteggere la nostra privacy?

Come proteggere i dati personali nel mondo del web

Esporsi al web è sempre un potenziale rischio, ma esistono delle piccole accortezze che possono permetterci di tutelare la nostra privacy in modo più attento. Per prima cosa imparare a riconoscere l'affidabilità di un determinato servizio a cui diamo il consenso via smartphone è fondamentale. Dare il consenso, spesso inavvertitamente e per distrazione, ad alcune pagine può mettere potenzialmente a rischio la nostra privacy sui social, autorizzando le applicazioni interne al social ad impadronirsi di molte informazioni personali e sensibili.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Spesso molti utenti si ritengono tutelati dal momento che impostano nella privacy di pubblicazione di un qualunque social la voce “Solo amici”. Ma attenzione perché questo passaggio purtroppo non basta ed è giusto sapere che chiunque, potenzialmente, potrebbe visualizzare i nostri dati e farne un uso inappropriato. Altro errore è l’autorizzazione ad app e servizi esterni ai social che stiamo utilizzando, servizi che spesso non conosciamo ma a cui accediamo internamente al social e che spesso si dimostrano poco sicuri.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Morto in Costiera, addio al presidente del gattile di Trieste Giorgio Cociani

  • Primo caso a scuola a Trieste, tre docenti e 21 alunni della Gaspardis in quarantena

  • Malore in acqua al Pedocin, morto bagnante di 56 anni

  • Malore in acqua, il giovane alpinista Gianni Cergol non ce l'ha fatta

  • Ubriaco spacca una bottiglia sul bancone del bar e aggredisce i colleghi: tassista triestino denunciato

  • Sfonda la porta di casa del cugino ai domiciliari e l'accoltella: arrestato

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TriestePrima è in caricamento