Basket

Pallacanestro Trieste torna a vincere, è il giusto viatico per il derby con Udine

Trascinati da un Ariel Filloy da 29 punti, con 9/12 da tre punti, i biancorossi riassaporano il dolce gusto della vittoria dopo tre k.o. consecutivi

È già tempo di tornare sul parquet per la Pallacanestro Trieste, impegnata nella sera del giorno di Ognissanti nella settima giornata del Girone Rosso della LNP Serie A2 Old Wild West.

Di fronte alla formazione di coach Jamion Christian una Assigeco Piacenza reduce da due sconfitte di misura con Forlì e con Nardò, ma comunque capace di conquistare 6 punti in classifica, al pari dei biancorossi, che dal canto loro dovranno provare a lasciarsi alle spalle delle prove incolore nelle ultime tre uscite.

Trieste deve fare a meno del suo top scorer Justin Reyes, mentre coach Salieri attende risposte confortanti dal duo americano Skeens-Miller, non ancora in grado di esprimersi al meglio in campionato.

LA PARTITA

La cronaca (Fonte Ufficio Stampa Pallacanestro Trieste) - Primo possesso nelle mani di Piacenza che si affida al pick and roll di Skeens, capace di insaccare i primi due punti. Gli risponde subito Candussi con un ottimo gancio dalla media. Trieste concede poi due rimbalzi offensivi che però i padroni di casa non riescono a trasformare, cosa che invece riesce a Campogrande che risponde presente sul primo scarico di Ruzzier. Il ritmo del gioco a metà del quarto è altissimo con le squadre che trovano conclusioni veloci che portano il punteggio sul 9-7 per Piacenza dopo una tripla di Bonacini. Due errori consecutivi dei padroni di casa permettono a Trieste di trovare un mini break per rimettere la testa avanti.

Fanno il loro ingresso in campo Ferrero e Filloy quando mancano 4 minuti sul cronometro. Ariel non ha bisogno di tempo per scaldarsi e mette subito una tripla, ma Piacenza non lascia scappare gli ospiti trovando 7 punti di fila con Veronesi, MIller e Skeens. Punteggio che segna 16 pari sul finire del quarto. Polveri bagnate negli ultimi due minuti di gioco con le squadre che non riescono a trovare la via del canestro da tre, ma sono capaci di trasformare diversi viaggi in lunetta. Primi dieci minuti che si chiudono sul 21 a 24.

Brooks si conferma lucido al rientro in campo trovando un facile layup, ma Piacenza non ci sta e trova con Gallo 3 punti che non permettono a Trieste di allungare. Ferrero fa saltare i suoi in panchina con una schiacciata non prevista nel suo arsenale, ma che certamente fa alzare l’intensità dei biancorossi in campo. Piacenza è in grado di trovare per tre occasioni consecutive un canestro facile con Querci e Filoni che recuperano palla e chiudono in contropiede.

Per coach Christian è troppo e chiama il primo minuto della partita. La costruzione delle azioni di Trieste al rientro in campo obbliga Piacenza a fermare i giuliani con diversi falli, portando i padroni di casa ad esaurire il bonus a metà del quarto. Candussi ringrazia e trasforma 3 liberi in sequenza, seguito poi da una tripla di Filloy. Trieste però deve fare i conti con un Malcom Miller ispirato dall’arco che tiene i suoi a -1. Sale in cattedra a questo punto Ariel Filloy, capace di incenerire la retina con due tiri in transizione che mettono 7 punti di distanza tra le due squadre. Time-out Piacenza. Ruzzier spacca in due la difesa piacentina con un cameriere molto complesso con la mano destra, ma Gallo risponde con un tiro dai 6,75 che manda le due squadre al riposo lungo sul 45-51 a favore degli ospiti.

Difese che hanno la meglio all’inizio della seconda metà di gara, con gli interpreti offensivi che non sbloccano il punteggio per due minuti. Brooks e Filloy ritoccano il massimo vantaggio di Trieste sul +11 trovando un contropiede e un tiro da 3 in transizione. Gallo per i padroni di casa cerca di limitare l’emorragia interrompendo il break triestino. Bonacini è costretto a lasciare il campo per un colpo alla testa, mentre tra le fila di Trieste rientra sul parquet Campogrande. Filloy conferma la serata da professore dell’arco mettendo a referto la settima bomba con ancora 15 minuti da giocare, punteggio sul 64 a 51 per i giuliani. Si sblocca anche Ruz dalla lunga, gli risponde il solito Gallo che prova a prendersi sulle spalle la sua squadra, prima trasformando una tripla e poi stoppando Deangeli e recuperando un pallone importantissimo. I padroni di casa si riportano a -6 con una bomba di Serpilli, mentre Trieste non trasforma l’ultimo possesso. Ultima pausa prima del rush finale sul 61-67.

Piacenza torna in campo con il piglio giusto. Time out per coach Christian che vuole mettere ordine nelle fila dei suoi. Candussi si carica di 4 falli con una partita ancora apertissima e 8 minuti sul cronometro, per lui in campo Vildera. Lo segue a ruota Filloy che viene richiamato in panchina per evitare di averlo fuori negli ultimi minuti di gioco. Piacenza ne approfitta riportandosi sul 67 pari. Campogrande infila una tripla dall’alto coefficiente di difficoltà, ritoccata poi da un AND1 di Brooks, di nuovo +6 per i biancorossi a metà quarto. Trieste è disordinata nelle costruzioni offensive e Piacenza ne approfitta riportandosi a -1 grazie a una tripla di Miller.

Filloy prova a togliere le castagne dal fuoco di Trieste, che con Candussi uscito per 5 falli fatica sotto le plance. Ottava tripla della serata e +3 Trieste con 75″ da giocare. Risponde capitan Sabatini riportando i suoi in parità.

Filloy continua la serie con una tripla impossibile, ma Veronesi riporta il punteggio sull’83 pari. Filloy dimostra un carattere da vero leader costruendosi 2 punti difficilissimi in 1 contro 1. Ruzzier trasforma gli ultimi due liberi mettendo il sigillo sulla vittoria di misura dei suoi per 87 a 84.

IL TABELLINO

UCC Assigeco Piacenza - Pallacanestro Trieste 84-87 (21-24, 24-27, 16-16, 23-20)

UCC Assigeco Piacenza: Giovanni Veronesi 15 (3/5, 2/9), Malcolm Miller 12 (3/6, 2/3), Niccolo Filoni 11 (4/6, 1/1), Filippo Gallo 11 (1/4, 3/6), Brady Skeens 10 (4/5, 0/0), Federico Bonacini 7 (2/3, 1/2), Michele Serpilli 7 (2/3, 1/4), Gherardo Sabatini 6 (1/1, 1/6), Lorenzo Querci 5 (1/1, 1/4), Ursulo D’almeida 0 (0/0, 0/0), Umberto Manzo 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 6 / 17 - Rimbalzi: 30 12 + 18 (Malcolm Miller 8) - Assist: 23 (Gherardo Sabatini 9)

Pallacanestro Trieste: Ariel Filloy 29 (1/2, 9/12), Francesco Candussi 15 (6/7, 0/2), Eli jameson Brooks 14 (3/4, 1/5), Michele Ruzzier 9 (2/4, 1/5), Luca Campogrande 9 (0/2, 2/7), Giovanni Vildera 6 (3/4, 0/0), Giancarlo Ferrero 3 (1/2, 0/2), Lodovico Deangeli 2 (1/3, 0/2), Stefano Bossi 0 (0/0, 0/0), Matteo Rolli 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 14 / 18 - Rimbalzi: 40 13 + 27 (Eli jameson Brooks 10) - Assist: 15 (Michele Ruzzier 7)
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pallacanestro Trieste torna a vincere, è il giusto viatico per il derby con Udine
TriestePrima è in caricamento