rotate-mobile
Lunedì, 27 Giugno 2022
Cultura / S. Giacomo - Ponziana / Via Luigi Frausin, 17

Un'estate di letteratura, storia e incontri: cinque eventi da non perdere in città

Ricco il programma della rassegna promossa dall'Associazione culturale Tina Modotti - Odv in collaborazione con l’Associazione Auser Volontariato Pino Burlo Di Trieste. Ecco tutti gli incontri in programma dal 20 giugno al 18 luglio 2022

L’Associazione culturale Tina Modotti - Odv, in collaborazione con l’Associazione Auser Volontariato Pino Burlo Di Trieste, organizza oggi, lunedì 20 giugno, la presentazione del romanzo "Trieste, 1974" di Massimiliano Stefani, un ricco programma che proseguirà lunedì 27 giugno alle ore 18.30 in via Luigi Frausin, 17 (San Giacomo) con la presentazione del libro "La fiamma nera. Il rogo del Narodni dom" (qudulibri, 2020) di Ivan e Zoran Smiljani?.

"L'incendio al Narodni dom di Trieste, la casa della cultura slovena, avvenuto 101 anni fa, è l'evento centrale di questo fumetto che avete in mano. Un atto violento che rivela l'ubriacatura fascista che presto contagerà gran parte della maggioranza italiana di una città incontro di culture diverse quale è stata ed è Trieste. [...] Le grandi ragioni della storia, la dissoluzione dell'impero austro-ungarico, la guerra mondiale appena terminata, e quella che presto arriverà, la nascita del fascismo italiano, la trasformazione fascista di gran parte della comunità italiana, il conflitto etnico è documentato e sceneggiato in questo fumetto dove i protagonisti della macro storia e le vite della gente comune trovano uguale palco dove recitare." (Dalla prefazione di Davide Toffolo). Interverranno gli autori. L’incontro è organizzato insieme allo Slovenski klub (Trieste) e alla cooperativa Zadruga Primorski dnevnik.

Il programma completo

Ricco il programma della rassegna di incontri estivi che vanno dal 20 giugno al 18 luglio 2022. Qui tutti gli incontri nel dettaglio:

  • lunedì 20 giugno alle 18.30: presentazione del romanzo "Trieste, 1974" (Infinito editore, 2022) di Massimiliano Stefani che dialogherà con Gianluca Paciucci.  “Sabato 27 aprile 1974, alle 21,47, a Trieste, nella scuola slovena di via Caravaggio, rione di San Giovanni, esplode una bomba, figlia della strategia della tensione neofascista in città. Da qui parte un viaggio ambientato negli anni Settanta in una Trieste affascinante e multietnica, percorsa dalle inquietudini e dalle tensioni politiche dell’epoca, mentre l’intera Italia è sconvolta da sanguinosi attentati, come quello al treno Italicus. Su uno sfondo sociale minuziosamente ricostruito, s’intrecciano le storie private dei quattro protagonisti di questo romanzo storico che scaturisce da uno scrupoloso lavoro di ricerca. L’arrivo in città di Pier Paolo Pasolini per una conferenza alla Casa dello studente fa da trait d’union alle singole vicende personali, ciascuna delle quali, seppure con esiti differenti, appare fin dall’inizio sospesa tra un gioco di combinazioni casuali e il compimento di destini ineluttabili”.
  • Si prosegue, come accennato prima, lunedì 27 giugno alle 18.30 con la presentazione del libro La fiamma nera. Il rogo del Narodni dom (qudulibri, 2020) di Ivan e Zoran Smiljani?.
  • Lunedì 4 luglio alle 18.30: Donne italiane nell’emigrazione antifascista e nella guerra di Spagna. Presentazione del libro di Augusto Cantaluppi e Marco Puppini "Non avendo mai preso il fucile tra le mani” Antifasciste italiane alla guerra civile spagnola 1936 - 1939, Aicvas, 2014. Sarà presente l’autore Marco Puppini. Sara Henna Galiza leggerà brani da questo e altri libri sul tema delle donne friulane e giuliane nell’emigrazione antifascista. “la storia delle volontarie internazionaliste italiane racchiude un’esperienza che allo stesso tempo le vide impegnate nelle attività della retroguardia e di prima linea, esperienze in cui si rendeva esplicita la difficoltà di contrapporre i due ambiti di azione. La retroguardia era uno spazio di resistenza attiva ed uno spazio in cui i valori della domesticità e della solidarietà acquisirono un significato nuovo: da privati divennero pubblici” (dall’introduzione di Laura Branciforte). L’incontro è organizzato insieme alla casa editrice Kappa.Vu.
  • Lunedì 11 luglio alle ore 18.30: assemblea delle associazioni aderenti a “Campo libero”. Libera discussione (da confermare).
  • Lunedì 18 luglio alle 18.30: un incontro di letture poetiche con il poeta Michel Cassir e la musicista argentina Claudia Christiansen. Michel Cassir, nato ad Alessandria d’Egitto, passa la sua gioventù in Libano dove prende parte ai movimenti che favoriscono il rinnovamento della poesia. Dopo un soggiorno in Messico, è andato a vivere a Parigi dove lavora per la diffusione della poesia, parallelamente alle sue attività di scienziato. “L’amore non ha il tempo/ di liberare il suo lamento /un villaggio si richiude/ sull’epurazione di una città/ i sopravvissuti sono fantasmi/ che sfiorano la guancia/ dei giovani soldati mercenari” (da “Libano sud”). Claudia Christiansen è una musicista, compositrice e attrice; vive in Francia dal 1986. È insegnate di canto presso diverse accademie musicali e compone musica anche per il teatro. Ha organizzato diversi eventi poetici nell’ambito della “Primavera dei poeti”. Lavora, con Michel Cassir, a performance artistiche.
Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Un'estate di letteratura, storia e incontri: cinque eventi da non perdere in città

TriestePrima è in caricamento