Scontro tra bande a San Giacomo, i residenti: "Tornati di notte per vendicarsi"

A denunciare una situazione definita "insostenibile" sono alcune persone che vivono nel rione e di cui TriestePrima ha raccolto le testimonianze. Dopo gli arresti della scorsa notte, alcune persone sarebbero riuscite ad entrare nel palazzo in cerca di vendetta

Un viavai continuo di persone, musica a tutto volume e segnalazioni da parte dei residenti all’amministratore dello stabile che cadrebbero nel vuoto da molto tempo. La notizia dell’arresto di quattro giovani di origine kosovara avvenuto la scorsa notte in un appartamento di androna Colombo 9 ad opera della Squadra Volante è, secondo le persone che vivono nella zona, solamente la punta dell’iceberg di una situazione definita da molto tempo “insostenibile”.

Alle due di notte in cerca di "vendetta"

L’immagine più eclatante è quella del portone d’entrata che non si chiudeva fino al giorno dopo il grave episodio nato da una violenta lite scoppiata “tra bande” non lontano da campo San Giacomo. La possibilità per chiunque di introdursi nel palazzo ha trovato conferma proprio la notte dopo gli arresti quando, a detta delle persone che vivono in zona e in base alle testimonianze raccolte da TriestePrima, un gruppo di persone sarebbe entrato nel palazzo in cerca di “vendetta”.

Le Volanti arrestano i quattro e dal condominio parte l'applauso (VIDEO)

Travolti due ragazzini sulle scale

Inoltre, il gruppo in fuga avrebbe travolto due bambini che a quell’ora si trovavano sulle scale.  “Dopo l’arresto – raccontano alcune persone – verso le due di notte qualcuno è venuto a cercare i ragazzi, forse per fargliela pagare”. Nonostante sui social fosse iniziato a girare il video del fermo della “banda” già poco dopo l’operazione di polizia, l’altro gruppo non avrebbe avuto fortuna nel tentativo, fallito, di regolare i conti.

Il regolamento di conti

La pista del regolamento di conti tra quelle che gli stessi agenti della Volante hanno definito “due bande” sembra infatti la più verosimile, nonostante l’assenza di un movente preciso e ancora sconosciuto. “Droga non ne gira – raccontano le persone – anche se c’è sempre un continuo movimento”. L’ombra del subaffitto, incalzano le persone, andrebbe di pari passo con una oggettiva difficoltà ad ottenere l’impegno da parte dei proprietari dell’appartamento nella gestione, proprietari che secondo le persone residenti in zona, non parteciperebbero alle assemblee condominiali da diverso tempo. Insomma, in quell'appartamento regnerebbe l'anarchia. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fotografa i bambini e poi scappa su un’auto blu: la segnalazione parte dal Carso

  • Violento nubifragio sulla città, ai Vigili del fuoco raffica di richieste d'aiuto

  • Rifiuta le sue avances e lui le sputa addosso: sconcerto in piazza Libertà

  • Blitz di CasaPound in Consiglio sull'immigrazione, consigliere leghista: "Ai migranti sparerei"

  • Covid-19: quattro nuovi casi in Fvg, salgono i ricoverati in terapia intensiva

  • Un contagio a Trieste, sei in Fvg di cui cinque d'importazione

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TriestePrima è in caricamento