rotate-mobile
Lunedì, 15 Aprile 2024
Salute / Barriera Vecchia - Città Vecchia / Piazza Unità d'Italia

Al Burlo arriva il braccio robotico che prepara farmaci “su misura” per i bambini

Sarà il primo istituto pediatrico a dotarsi di questa nuova tecnologia, che permetterà di ridurre gli errori terapeutici e gli sprechi

Il Burlo Garofolo sarà il primo ospedale pediatrico a dotarsi di un braccio robotico in grado di preparare farmaci sterili iniettabili personalizzabili sui giovani pazienti. Un’esclusiva tecnologia che sarà al servizio di tutti i bambini del Friuli Venezia Giulia. Il macchinario, che ha un costo di circa 500mila euro, è stato finanziato dalla Regione Fvg nell’ambito della Legge di stabilità, su proposta del consigliere regionale Claudio Giacomelli (FdI), che ha votato un emendamento all’unanimità. La novità è stata illustrata oggi in conferenza stampa dall’esponente di Fratelli d’Italia e dal presidente della Fondazione Burlo Garofolo Gabriele Cont.

L’esigenza di questo dispositivo nasce dal fatto che in ambito pediatrico è spesso necessario ricorrere a terapie formulate per l’adulto, con una grande variabilità di dosaggi tra il neonato e l’adolescente. L’approssimazione del dosaggio aumenta quindi il rischio di errori terapeutici, che nel caso dei bambini sono tre volte maggiori rispetto agli adulti. Il braccio robotico per la preparazione meccanizzata di farmaci sterili iniettabili garantisce un margine d’errore vicino allo zero oltre alla completa tracciabilità e integrità delle informazioni.

Si stima inoltre una percentuale media di risparmio pari al 30% sul totale della spesa annua per gli antibiotici, una riduzione del tempo infermieristico per l’allestimento del reparto e una riduzione generale degli sprechi. Inoltre l’Irccs entrerà a far parte dell’Apoteca Community, una rete scientifica internazionale composta da altri 70 centri d’eccellenza in 22 Paesi al mondo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Al Burlo arriva il braccio robotico che prepara farmaci “su misura” per i bambini

TriestePrima è in caricamento