menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Futuri papà in sala parto, ma con le mascherine e le distanze di sicurezza

Potranno accedere in sala solo al momento del parto e non durante l'intero travaglio. Richiesta anche la totale assenza di sintomi riconducibili all'infezione da Covid-19

"I futuri padri possono essere ammessi nelle sale parto, solo al momento del parto e non durante l'intero travaglio, purché sia garantito il rispetto delle misure di sicurezza adottate per evitare la diffusione del Covid-19, garantendo così la tutela della salute della partoriente, del neonato e del personale sanitario".  Lo ha confermato il vicegovernatore del Friuli Venezia Giulia con delega alla Salute, Riccardo Riccardi, evidenziando che "durante il parto devono essere utilizzati dispositivi di protezione individuale e deve essere mantenuta la distanza di almeno un metro tra gli operatori sanitari e il futuro padre. Inoltre, quest'ultimo non deve avere alcun sintomo riconducibile all'infezione da Covid-19, come temperatura corporea superiore a 37,5 gradi, tosse o rinite, e non deve essere entrato in contatto con soggetti risultati positivi al Covid". Il vicegovernatore ha quindi evidenziato che "le aziende sanitarie valuteranno quindi la possibilità di far accedere i futuri padri in base alla struttura dei punti nascita e alla complessità del parto nel contesto dell'attuale emergenza sanitaria".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

La ricetta della torta mimosa per festeggiare le donne

Cura della persona

Scrub fai da te: la ricetta super naturale per labbra perfette

Guida

Ancora sole ma minime fino ai 4 gradi: il meteo per domani 9 marzo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento